Home / Nutrizione / Obesità: il commissario Ue alla Salute favorevole a tasse su alcuni ingredienti e prodotti alimentari insalubri. L’atteggiamento della Commissione Ue sullo strumento è “molto positivo”

Obesità: il commissario Ue alla Salute favorevole a tasse su alcuni ingredienti e prodotti alimentari insalubri. L’atteggiamento della Commissione Ue sullo strumento è “molto positivo”

Il Commissario Ue alla Salute si è detto d’accordo con l’introduzione di tasse su ingredienti insalubri per contrastare l’obesità

Secondo il commissario europeo alla Salute, Vytenis Andriukaitis, la tassazione di alcuni ingredienti e prodotti alimentari può essere uno strumento “molto efficace” per affrontare alcuni problemi sanitari, compresa l’obesità. Il commissario lo ha detto prima dell’inizio dell’ultima riunione informale dei ministri europei della Salute, svoltasi a Malta, che in questo semestre ha la presidenza del Consiglio Ue. Sebbene la competenza sulla tassazione dei vari fattori di rischio – zucchero, sale, grassi saturi, alcol e tabacco – sia dei singoli Stati, Andriukaitis ha tenuto a far sapere che l’atteggiamento della Commissione Ue su questo strumento è “molto positivo” e che personalmente è soddisfatto che alcuni paesi comincino a introdurlo.

Secondo un rapporto dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) dello scorso autunno, a un aumento del 20% del prezzo di vendita al dettaglio delle bibite zuccherate, corrisponde un calo proporzionale del consumo e quindi una diminuzione di: sovrappeso, obesità, diabete di tipo 2 e carie dentali. Parallelamente, il consumo di frutta e verdura fresche può essere favorito da incentivi che ne riducano il prezzo del 10-30%.

Alcuni Paesi europei sono più impegnati di altri nel contrasto all’obesità infantile

Come evidenzia un comunicato diramato dalla presidenza maltese, dalla riunione informale dei ministri della Salute è emerso un maggior impegno di alcuni paesi rispetto ad altri nella lotta all’obesità infantile, dove si registra una fase di stallo in molti settori, come l’etichettatura, la tassazione, il marketing, la consapevolezza del problema da parte delle famiglie e la condivisione delle esperienze pratiche. Quel che i ministri dei 27 paesi dell’Ue sottolineano concordemente è che il problema richiede un approccio multisettoriale.

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare.  Clicca qui

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Frutta, legumi, verdura: cosa mangiare? I nuovi consigli nutrizionali per la dieta dei francesi. Il documento del Consiglio superiore della sanità pubblica

In Francia, il Consiglio superiore della sanità pubblica (Hcsp) ha pubblicato le sue nuove indicazioni …

3 Commenti

  1. Più semplice sarebbe ridurre l’IVA sugli alimenti salutari riconosciuti dalla Dieta Mediterranea, come cereali integrali, legumi, frutta e verdura e oli vegetali, base alimentare di tutta Europa ed aumentarla per quelli particolarmente dannosi, come lo zucchero, l’alcool, i grassi saturi, le carni ed i formaggi grassi.
    Una semplice rimodulazione dell’IVA uguale in tutta la Comunità, con aliquote premiali a 0% ed aliquote penalizzanti al 25%, per ridurre i consumi e la spesa sanitaria per i danni prodotti da un’insana alimentazione.

  2. Qualunque soluzione venga proposta , si presta ad abusi e speculazioni , nonché a contrasti di punti di vista dovuti a diverse abitudini alimentari e culture alimentari nei diversi stati UE. L’approccio va studiato adeguatamente e ben condiviso con l’ausilio di veri esperti non di parte né ideologizzati. I ricavi dovranno poi essere assolutamente reinvestiti totalmente e soltanto in educazione alimentare, anche questa ben chiarita, condivisa e non ideologica.

  3. In ogni rapporto sociale occorre trovare un minimo comune multiplo da condividere e penso che la Dieta Mediterranea possa essere questo minimo condiviso in tutta Europa, proprio perché non rappresenta alcun ideologismo ne lobbismo.
    Poi ognuno può mangiare liberamente quello che crede sia meglio per se stesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *