Home / Sicurezza Alimentare / Pubblicato il nuovo regolamento Ue sull’acrilammide. Non fissa valori limite ma abbassa quelli di riferimento attuali

Pubblicato il nuovo regolamento Ue sull’acrilammide. Non fissa valori limite ma abbassa quelli di riferimento attuali

Sulla Gazzetta Ufficiale dell’Ue è stato pubblicato il regolamento (UE) 20 novembre 2017, n. 2158 “che istituisce misure di attenuazione e livelli di riferimento per la riduzione della presenza di acrilammide negli alimenti”. L’acrilammide è una sostanza riconosciuta come genotossica e cancerogena, che si forma prevalentemente negli alimenti ricchi di carboidrati cotti al forno o fritti. Il regolamento non fissa valori limite ma abbassa quelli di riferimento attuali.

Il regolamento, che entrerà in vigore l’11 dicembre e si applicherà dall’11 aprile 2018, interessa tutti gli operatori del settore alimentare che producono e immettono sul mercato i seguenti prodotti:

  1. a) patate fritte tagliate a bastoncino, altri prodotti tagliati fritti e patatine (chips), ottenuti a partire da patate fresche;
  2. b) patatine, snack, cracker e altri prodotti a base di patate ottenuti a partire da pasta di patate;
    c) pane;
    d) cerali per la prima colazione(escluso il porridge);
    e) prodotti da forno fini: biscotti, gallette, fette biscottate, barrette ai cereali, scones, coni, cialde, crumpets e pane con spezie (panpepato), nonché cracker, pane croccanti e sostituti del pane. In questa categoria per «cracker» si intende una galletta secca (prodotto da forno a base di farina di cereali);
    f) caffè, caffè torrefatto, caffè (solubile) istantaneo;
    g) succedanei del caffè;
    h) alimenti per la prima infanzia e alimenti a base di cereali destinati ai lattanti e ai bambini nella prima infanzia, quali definiti nel regolamento (UE) n. 609/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio;

Nel giugno 2015, l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) ha dichiarato l’acrilammide e il metabolita glicidammide genotossiche e cancerogene. Sulla base di questa classificazione, qualsiasi livello di esposizione risulta potenzialmente in grado di danneggiare il DNA e far insorgere il cancro.

© Riproduzione riservata

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2017. Clicca qui

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

te

Test sul tè nero e verde: bene quelli bio, male gli Earl Grey Twinings e Lipton: troppi contaminanti. Il confronto fatto in Francia da 60 Millions

Il tè è una delle bevande calde preferite dai consumatori. Per questo il magazine francese …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *