Home / Pianeta / Nestlé in Usa eliminerà ogm, additivi artificiali e latte di mucche trattate con ormoni della crescita da gelati e dessert

Nestlé in Usa eliminerà ogm, additivi artificiali e latte di mucche trattate con ormoni della crescita da gelati e dessert

Nestlé
Nestlé toglierà alcuni ingredienti da oltre cento gelati e dessert: ogm, sciroppo di mai, coloranti e aromatizzanti

Nestlé Usa ha annunciato che eliminerà gli ingredienti contenenti ogm, lo sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio, i coloranti e gli aromatizzanti artificiali da oltre cento gelati e dessert surgelati proposti con marchi diversi dalla multinazionale svizzera. La società si è impegnata a utilizzare solo latte fresco di mucche allevate senza l’utilizzo di ormoni e ad impiegare  frutta e succhi di frutta (non aromi). In alcuni gelati il contenuto di zucchero sarà ridotto di circa l’11%. In un comunicato, l’azienda cita l’eliminazione futura di alcuni additivi, in modo da semplificare gli ingredienti, annunciando che addensanti come le carragenine e lo xantano saranno sostituiti da pectina. I marchi di gelati coinvolti nell’iniziativa sono Dreyer’s, Häagen-Dazs, Outshine, Skinny Cow, Nestlé Ice Cream e Nestlé Drumstick.

 

gelato industriale al cioccolato e crema
La politica di Nestlé su coloranti e additivi è stata seguita anche da Mars

La nuova politica scelta per la linea gelati segue quella su cioccolato e dolciumi, annunciata dall’azienda Usa nel febbraio 2015 e che ha portato all’eliminazione di coloranti e aromatizzanti artificiali, come già fatto nel Regno Unito. L’esempio della multinazionale svizzera è stato seguito un anno dopo da Mars, che ha annunciato l’eliminazione, entro cinque anni, di tutti coloranti artificiali dai prodotti, anche se ritiene questi additivi non pericolosi per la salute. La politica di Mars riguarderà tutti i mercati, mentre quella di Nestlé Usa è limitata al mercato statunitense.

 

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Ridurre gli imballaggi e dare una seconda vita agli oggetti: gli obiettivi della Settimana europea per la riduzione dei rifiuti

La nona edizione della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti che si svolge dal …

2 Commenti

  1. Finalmente, era ora!

  2. Ottima notizia per gli americani, ma per noi europei la solita minestra?
    Non siamo noi quelli più protettivi della salute, con il principio di precauzione che gli USA, con il trattato TTIP vorrebbe contrastare e negarci?
    Sembra un siluro di ritorno alla base di lancio!
    Sarebbe molto interessante conoscere le reazioni delle altre multinazionali americane a questa presa di posizione della Nestlé, in quanto potrebbe essere una forte leva per modificare le tendenze alimentari di tutto il mercato occidentale.