Home / Pubblicità & Bufale / McDonald`s chiama Gualtiero Marchesi, ma non basta un grande chef per cambiare l`hamburger

McDonald`s chiama Gualtiero Marchesi, ma non basta un grande chef per cambiare l`hamburger

Gualtiero Marchesi un cuoco per tutte le stagioni. E’ il primo pensiero, dopo avere letto la pubblicità di McDonald’s che su tutti i quotidiani annuncia l’arrivo di Vivace, il nuovo  panino con hamburger firmato da uno dei migliori chef italiani. Non è la prima volta che il famoso cuoco volgarizza il suo  talento, proponendosi  a chi non ha il privilegio di vedere e di gustare i suoi piatti.
Pochi mesi fa, prima delle elezioni,  Gualtiero Marchesi diventa consulente di Milano Ristorazione,  la società del Comune  che serve 80 mila pasti al giorno nelle scuole, per  puntellare con i suoi preziosi consigli una gestione fallimentare: inutile dire che l’intervento non è servito praticamente a nulla.
Anche l’operazione con McDonald’s farà la stessa fine, visto che  non sarà certo il nuovo panino con un enorme hamburger all’interno, abbinato a bacon, spinaci, senape e maionese, a rivoluzionare  la mission della catena regina del fast food.

Il panino battezzato con il nome di “Vivace” contabilizza 685 kcal e si colloca al terzo posto dopo Big Tasty  Bacon (885 kcal) e Big Tasty (850 kcal), mentre il prezzo (4,70 €) lo posiziona in cima al listino come il prodotto più caro.
Si tratta dell’ennesima operazione di marketing che la multinazionale  porta avanti con astuzia, proponendo un panino progettato dall’alta gastronomia italiana solo per tre settimane.
Vale la pena ricordare le brillanti campagne pubblicitarie del gennaio 2010, quando per due mesi McDonald’s vende il famoso panino Mc Italy, realizzato  con Bresaola della Valtellina e Speck dell’Alto Adige e introduce il Parmigiano Reggiano, con il sigillo del ministero dell’Agricoltura Luca Zaia.
L’operazione di marketing era sin troppo chiara: usare una manciata di prodotti Dop nei panini e lanciare il marchio McItaly per accreditarsi nella storia della gastronomia nazionale. Adesso la strategia si ripete con il grande chef Marchesi che dà visibilità a un banalissimo panino.
La realtà nei lovcali è però diversa. Nei fast food di McDonald’s, la Bresaola e lo Speck sono stati utilizzati solo per 60 giorni, mentre il Parmigiano Reggiano da due anni viene utilizzato saltuariamente come ingrediente in alcuni piatti.  Di solito il 95% dei clienti sceglie un gigantesco menù da 1000 kcal, pari al 60% del fabbisogno giornaliero, composto da Big Mac, Coca-Cola e patatine venduto a meno di 6 €. Basta però aggiungere 1,3 euro per mangiare un menù esagerato che copre il 77%  del fabbisogno calorico giornaliero (vedi tabella). Pochissimi sceglieranno il panino firmato da Gualtiero  Marchesi, destinato a durare lo spazio di un bimestre ed essere usato come specchietto per allodole per una grande campagna pubblicitaria.
La catena regina del fast-food, specializzata nella vendita di hamburger, Coca-Cola e patatine, non cambia  vocazione perché utilizza per qualche giorno una fettina di Speck dell’Ato Adige o perché affida la firma di un panino a un grande chef.

Roberto La Pira

Prezzo in euro Kcal

Vivace:

nuovo panino con hamburger firmato da Gualtiero Marchesi

4,70

685 kcal
(35% fabbisogno giornaliero adulto)

Menù semplice:

hamburger piccolo, insalata piccola, frutta sbucciata, yogurt, acqua minerale

6,00

430  kcal

(22% fabbisogno giornaliero adulto)

Menù standard:
Big Mac, Coca-Cola media, patatine medie 
5,90
1005  kcal
(60% fabbisogno giornaliero adulto)
Menù ricco:
Big Tasty, Coca-Cola grande, patatine grandi
7,20 1530 kcal
(77% fabbisogno giornaliero adulto)

       
      
      
   
     

 

Guarda qui

Le bugie di Coldiretti su Repubblica.it. Come inventare dati allarmanti sul grano importato, citando anche i rapporti del Ministero della Salute

Oggi un articolo di Repubblica.it firmato da Cristina Nadotti sulla questione della guerra del grano …

4 Commenti

  1. Mantovani Benito

    Più che grandi chef servono materie prime di eccellenza. L’alta moda non si fa solo con il taglio, sono i tessuti che fanno la differenza.

  2. In sonstanza se propio non si puo’ fare a meno di mc’donald segliamo il menu semplice…..

  3. Che tristezza… Ã

  4. Ministro dell’agricoltura svendi il made in Italy.