Home / Recensioni & Eventi / Master in “Alimenti, territorio e salute”: aperte le iscrizioni per la prima edizione. Si inaugura a Siena

Master in “Alimenti, territorio e salute”: aperte le iscrizioni per la prima edizione. Si inaugura a Siena

Sono aperte le iscrizioni alla prima edizione del Master di II livello “Alimenti, territorio e salute” dell’Università di Siena, un corso post-laurea dedicato alla produzione del cibo, all’alimentazione e alla salute. Il Master vuole fornire le competenze necessarie per ila gestione della qualità degli alimenti, l’innovazione e la ricerca lungo tutta la filiera di produzione agroalimentare e per lo sviluppo di nuovi prodotti nutraceutici, alimenti funzionali e integratori alimentari.

Il corso è rivolto ai laureati in agraria, chimica, biologia e tecnologie alimentari, ma anche a tecnici di aziende del settore agroalimentare. Il Master è di durata biennale e prevede il conseguimento di 120 CFU, per un totale di 240 ore di lezioni frontali, suddivise in quattro aree tematiche: nutraceutica e produzioni industriali; normativa e certificazione; storia, economia e territorio; sostenibilità, innovazione e benessere. Il corso prevede lo svolgimento di uno stage in azienda di 600 ore e l’elaborazione di una tesi finale.

Le iscrizioni chiuderanno il 24 novembre 2017 e l’ammissione avverrà in seguito all’esame dei currucula e dei titoli degli interessati. Il Master ha un costo di 3 mila euro. Le lezioni inizieranno nel mese di gennaio 2018 e termineranno a gennaio 2020 e si terranno il venerdì pomeriggio dalle 15 alle 19 e il sabato dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18 al Santa Chiara Lab (Scuola Superiore Santa Chiara).

© Riproduzione riservata

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2017. Clicca qui

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

“Food evolution”: un film per capire gli OGM. Dalla “papaya rainbow” agli studi manipolati, viaggio tra i fatti e la disinformazione sulle piante transgeniche

Quando si parla di OGM, la maggior parte delle persone si immagina piante di granoturco …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *