Home / Sicurezza Alimentare / Malattie di origine alimentare: in Francia, ogni anno, sono tra 1,28 e 2,23 milioni. Fortemente diminuite le ispezioni nell’ultimo quinquennio

Malattie di origine alimentare: in Francia, ogni anno, sono tra 1,28 e 2,23 milioni. Fortemente diminuite le ispezioni nell’ultimo quinquennio

Malattie di origine alimentareLa rivista Emerging Infectious Diseases ha pubblicato uno studio sulle cause delle malattie di origine alimentare in Francia, prendendo in considerazione il periodo 2008-2013 ed esaminando i principali patogeni alimentari: dieci batteri, tre virus e due parassiti. La stima dei ricercatori è che, in Francia, questi patogeni causino tra 1,28 e 2,23 milioni di casi di malattia, tra 16.500 e 20.000 ricoveri in ospedale e 250 morti l’anno.

Campylobacter, Salmonella e Norovirus sono responsabili di oltre il 70% di tutte le malattie e ospedalizzazioni, con il Norovirus nettamente in testa. Salmonella e Listeria monocytogenes sono invece le principali cause di mortalità associata a patogeni alimentari. Il virus dell’Epatite E sembra essere un patogeno alimentare non riconosciuto, che causa 68.000 malattie ogni anno.

Gli autori dello studio sottolineano come conoscere il numero annuo delle malattie di origine alimentare, dei ricoveri in ospedale e dei decessi, sia necessario per definire le priorità nelle strategie di sorveglianza, prevenzione e controllo. Come ricorda il blog di Albert Amgar, però, negli ultimi cinque anni, le ispezioni delle autorità francesi nel campo della sicurezza alimentare sono scese dalle 86.239 del 2012 alle 55.000 del 2016.

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2017. Clicca qui

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Inquinamento da Pfas in Veneto. La Regione presenta i risultati dei controlli sugli alimenti e tranquillizza. Le maggiori contaminazioni in uova e animali di produzione casalinga. Pesce vietato nella zona rossa

La Regione Veneto ha diffuso i risultati del biomonitoraggio condotto dell’Istituto superiore di sanità (ISS) sugli alimenti ricavati …