Efsa

L`Efsa lancia l`allerta Campylobacter nei polli: 9 milioni di casi l`anno e 2,4 miliardi di danni sociali

Dopo avere segnalato nei giorni scorsi che la Campylobatteriosi è la malattia di origine alimentare più diffusa in Europa con un numero di casi doppio (quasi 200 mila nel 2009 ) rispetto alla salmonellosi, l’Autorità europea per la sicurezza alimentare con sede a Parma (EFSA)  propone una strategia per arginare il problema. Il documento firmato dal gruppo di esperti descrive le misure da adottare per ridurre la presenza di Campylobacter nei polli e nella carne di pollo.

Ilfattoalimentare.it si è già occupato dell’argomento pochi giorni fa, sottolineando la  gravità del problema. La situazione in effetti è abbastanza grave visto che  la  patologia non viene registrata correttamente dalle autorità sanitarie dei vari Paesi e l‘Efsa stima  9 milioni di casi l’anno, con costi sociali pari a  2,4 miliardi di euro.

Secondo gli esperti dell’EFSA occorre adottare misure specifiche prima della macellazione per ridurre il rischio fino al 50%, come l’uso di zanzariere negli allevamenti le la riduzione del periodo di vita oltre ad evitare le  pratiche di diradamento.

Un altro sistema per ridurre il numero di batteri consiste nell’irradiazione dei polli macellati o  nel  surgelamento delle per 2-3 settimane che ridurrebbero i batteri di oltre il  90%, mentre con il surgelamento delle carcasse per periodi brevi (2-3 giorni) o il loro trattamento con acqua bollente (a 80 °C per 20 secondi) o con sostanze chimiche come l’acido lattico si otterrebbe una riduzione stimata tra il 50 e il 90%.

 

Altri articoli sull’argomento

Campylobacter è il batterio responsabile del maggior numero di contaminazioni alimentari in Europa (il doppio della Salmonella) ma in Italia è pressoché sconosciuto Campylobacter è il batterio responsabile del maggior numero di contaminazioni alimentari in Europa (il doppio della Salmonella) ma in Italia è pressoché sconosciuto
Campylobacteriosi: gli appunti dell’IZSV per conoscere il rischio alimentare più diffuso in Europa ma sconosciuto agli italiani Campylobacteriosi: gli appunti dell’IZSV per conoscere il rischio alimentare più diffuso in Europa ma sconosciuto agli italiani

 

Secondo l’Efsa il 75,8% dei polli venduti in Italia è contaminato L’Autorità per la sicurezza alimentare europea (Efsa) di Parma sostiene che il 75,8% dei polli venduti sugli scaffali dei supermercati è contaminato da Campylobacter, mentre il 15% presenta una discreta quantità di Salmonelle

 

Attenzione a dove si mette il pollo: c’è il rischio di disturbi intestinali Attenzione a dove si mette il pollo: molte gastroenteriti estive si possono prevenire con semplici accorgimenti igienici

 

Efsa: la carne di pollo è contaminata. Occorre più attenzione nei macelli e negli allevamenti Efsa: la carne di pollo è contaminata. Occorre più attenzione nei macelli e negli allevamenti

 



 Scheda Campylobacter

Campylobacter è un batterio che si trova comunemente negli intestini dei polli e di altri animali senza provocare loro alcun disturbo. Per  quanto concerne gli alimenti il batterio si trova prevalentemente nel pollame crudo. I sintomi della campilobatteriosi  nell’uomo si manifestano attraverso diarrea e febbre.

Il rischio per la salute umana è legato al consumo di carne poco cotta o alla contaminazione crociata tra alimenti. Una manipolazione corretta della carne cruda, un’accurata cottura e un’attenta igiene in cucina possono prevenire o ridurre il rischio posto dalla carne di pollo contaminata.

Anche i consumatori devono contribuire alla sicurezza degli alimenti. Si raccomanda di rispettare un’igiene scrupolosa nella preparazione dei pasti e di cuocere gli alimenti completamente. 

Foto :Photos.com

Tags: , , , , ,

Commenti chiusi.