Home / Sicurezza Alimentare / Interferenti endocrini: la Commissione Ue in ritardo nella pubblicazione dei criteri per individuarli

Interferenti endocrini: la Commissione Ue in ritardo nella pubblicazione dei criteri per individuarli

interferenti endocrini
Quando una sostanza è un interferente endocrino?

Quando una sostanza chimica – detta biocida – va considerata interferente endocrino? Il Parlamento europeo ha approvato una risoluzione con 593 voti favorevoli, 57 contrari e 19 astensioni, in cui si condanna l’ingiustificato ritardo nella pubblicazione dei criteri scientifici necessari per definire tale sostanza nociva per l’uomo. Gli interferenti endocrini sono sostanze che interferiscono con le attività ormonali e sono considerate una minaccia globale dal programma dell’Onu per l’ambiente (Unep) e dall’Organizzazione mondiale della sanità.

La risoluzione sottolinea come i criteri scientifici fossero pronti sin dall’estate del 2013, ma non siano stati resi pubblici entro il termine del 13 dicembre 2013, perché la Commissione Ue ha scelto di avviare una valutazione sull’impatto, per determinare le incidenze e le diverse soluzioni possibili. Lo scorso dicembre, il Tribunale dell’Ue aveva chiarito che nessuna norma richiedeva alla Commissione Ue di condurre questa analisi d’impatto e che il ritardo nella pubblicazione dei criteri scientifici costituiva una violazione di un “obbligo chiaro, preciso e incondizionato”. Ora, di fronte all’iniziativa degli eurodeputati, il presidente della Commissione Ue, Jean-Claude Juncker, ha assicurato in una lettera al presidente del Parlamento europeo, Martin Schulz, che i criteri saranno approvati entro la fine di giugno.

donna incinta
Gli interferenti endocrini sono sostanze chimiche che interferiscono con le attività ormonali

I biocidi sono sostanze chimiche utilizzate per eliminare, rendere innocui o impedire l’azione di qualsiasi organismo nocivo per la salute umana o animale, o capace di danneggiare i materiali e i beni di consumo. Comprendono un’ampia gamma di prodotti utilizzati per la conservazione di materiali (preservanti e vernici antivegetative per le imbarcazioni) oltre che per scopi di sanità pubblica e privata, insetticidi, disinfettanti, disinfestanti. Benché l’uso dei biocidi sia finalizzato a garantire il benessere dell’uomo e la conservazione di molti prodotti, le sostanze chimiche in essi contenute possono presentare effetti dannosi per l’ambiente e la salute umana.

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Più particelle di micro-plastiche in mare che stelle nella galassia. Contaminati oltre ai pesci, anche birra, miele e sale da cucina

Una quantità sempre maggiore di plastica sta finendo nei nostri piatti. Non ce ne accorgiamo …

Un commento

  1. Occorre approfondire meglio l’argomento, ad esempio per classificare sostanze chimiche interferenti endocrini, che entrano nella catena alimentare (acqua, aria e materie prime), da quelle presenti in ambiente o negli oggetti con cui veniamo a contatto.
    La differenza non è banale ma sostanziale, perché quello che entra nell’organismo con l’alimentazione, l’acqua che beviamo, o l’aria che respiriamo, è molto più invasivo per il sistema endocrino di una sostanza che tocchiamo.