Home / Tecnologia e Test / Il cibo geneticamente modificato: un’indagine su 1.500 persone rivela che cosa ne pensano i consumatori inglesi

Il cibo geneticamente modificato: un’indagine su 1.500 persone rivela che cosa ne pensano i consumatori inglesi

manipolazione genetica ciboChe cosa pensano i consumatori inglesi  dell’etichettatura dei cibi geneticamente modificati (GM)?

Quanto è importante capire dall’etichetta se un cibo è biologico o no?

E come dovrebbero essere realizzate le  diciture?

Sono queste le domande a cui ha cercato di rispondere un’indagine statistica su circa 1.500 persone, condotta per conto della Food Standards Agency, l’agenzia governativa britannica che si occupa di sicurezza alimentare.

Dallo studio emerge, innanzi tutto, che la consapevolezza dei consumatori circa le attuali disposizioni in fatto di etichettatura di prodotti alimentari GM è piuttosto bassa:  solo il 2% degli intervistati ha dichiarato spontaneamente di cercare sull’etichetta informazioni sull’eventuale  contenuto in OGM quando compra un prodotto per la prima volta. Le informazioni più ricercate sono in genere quelle relative al prezzo e alla composizione nutrizionale del prodotto.

 

Nondimeno, due terzi dei partecipanti all’indagine hanno dichiarato di considerare importanti le informazioni sull’eventuale presenza di piante GM o di animali nutriti con piante GM. A tal riguardo, va precisato che molti intervistati erano ignari del fatto che gli animali d’allevamento possono essere alimentati con mangimi GM, e dopo averlo saputo, hanno cominciato a ritenere utile l’inserimento di questa specifica informazione in etichetta.

 

donna spesaL’indagine ha anche mostrato che i consumatori britannici preferiscono etichette di tipo “positivo”, tese cioè a sottolineare la presenza di prodotti di origine GM, rispetto a quelle “negative”, che sottolineano la non presenza di GM (“GM-free”).

Non c’è da stupirsi: l’etichetta negativa è sempre un po’ più complicata e talvolta non risulta chiaro che cosa bisogna aspettarsi da quel prodotto. Si tratta di un alimento completamente privo di OGM o che può contenerne una minima quantità (la Commissione Europea ha fissato una soglia massima pari allo 0,9%) magari dovuta a contaminazione accidentale?

Il 53% degli intervistati ritiene che un cibo non dovrebbe essere classificato privo di OGM se contiene parti di animali trattati con farmaci derivati da tecniche di modificazione genetica.

 

In sintesi, nonostante la scarsa conoscenza in materia, i consumatori britannici prestano parecchia attenzione a questi cibi. La Food Standards Agency si augura che la Commissione europea ne tenga conto quando dovrà decidere nuove norme per armonizzare i diversi schemi nazionali relativi all’etichettatura.

 

Valentina Murelli

  Valentina Murelli

Valentina Murelli
giornalista scientifica

Guarda qui

Frutta e verdura: una protezione vegetale per prolungare la durata. L’innovazione di una start-up californiana alla prova del mercato

Una start-up californiana, Apeel Sciences, sta sviluppando dei conservanti naturali ricavati da scarti vegetali biologici, …

Un commento

  1. Il consolidato sistema di mantenere il popolo ignorante, è il miglior modo di fare liberamente quello che vogliono produttori e governanti.
    Ma non appena si prova ad informare ed a chiedere il parere dei consumatori o dei governati senza plagiarli, si scoprono le reali esigenze delle persone.
    E’ solo una scelta etica e morale di chi gestisce il potere in tutti gli aspetti della vita.