Home / Sicurezza Alimentare / La pagella dell’igiene nei ristoranti: a Birmingham si chiede che venga esposta in ogni locale, non solo online

La pagella dell’igiene nei ristoranti: a Birmingham si chiede che venga esposta in ogni locale, non solo online

igiene ristoranti
Pagelle dell’igiene affisse nei locali? Lo richiedono a Birmingham

Da Birmingham parte la richiesta al governo britannico di rendere obbligatoria per ristoranti, pub e takeaway, l’esposizione del cartello che riporta la valutazione dei controlli sull’igiene alimentare e dei locali. La valutazione va da 0, che indica la necessità di urgenti miglioramenti, a 5, che equivale a ottimo, ed è stata introdotta in Gran Bretagna nel novembre 2010. I controlli sono gestiti dalle autorità locali in collaborazione con la Food Standards Agency, che pubblica sul proprio sito la valutazione di tutte le ispezioni, anche di chi  non espone nel locale il cartello  con  il punteggio ricevuto.

Elegant barman checking the cleanliness of glass at the restaurant
La pagella sull’igiene dà un punteggio da 0 a 5

Dal dicembre 2013, l’esposizione della  valutazione degli ispettori è diventata obbligatoria in Galles. La richiesta che ciò avvenga anche in Inghilterra è stata avanzata al sindaco di Birmingham attraverso la presidente della commissione per le licenze e la protezione pubblica del Consiglio comunale, Barbara Dring. La Dring lo scorso ottobre aveva contestato la scelta del quotidiano Birmingham Mail di pubblicare solo la lista dei 127 locali che avevano avuto dagli ispettori una valutazione gravemente insufficiente ( con un punteggio pari a zero) , sugli oltre 7.500 della città, dando di essa una cattiva immagine. Un sondaggio online effettuato dal quotidiano indica che il 96% dei lettori è favorevole all’obbligo di esporre all’ingresso la valutazione degli ispettori sull’igiene del locale.

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Family having a barbecue party

Grigliate estive: le regole per cucinare in modo sicuro ed evitare il rischio di infezioni alimentari

Estate, stagione di grigliate ma anche di focolai di Campylobacter, Salmonella, Escherichia coli e altri ...

2 Commenti

  1. Bisognerebbe farlo anche in Italia, solo che a controllare voglio gli Inglesi…

  2. giancarlo nervi

    gli inglesi sono tra gli ultimi che vorrei come controllori (bse insegna). i migliori sono in Italia, da sempre, ma i dati non sono divulgati se non in modo aggregato. comunque sarebbe un’ottima idea.