Home / Etichette & Prodotti / Granarolo Oggi Puoi: la nuova linea di formaggi a ridotto contenuto di grassi e sale

Granarolo Oggi Puoi: la nuova linea di formaggi a ridotto contenuto di grassi e sale

Granarolo ha lanciato la linea Oggi Puoi, a ridotto contenuto di grassi e sale

Granarolo sta lanciando in grande stile una nuova gamma di formaggi, chiamata Oggi Puoi. Il nome, le indicazioni in etichetta e la pubblicità chiariscono bene a quale domanda rispondono la mozzarella, lo stracchino e le ricottine della nuova linea. I tre formaggi hanno un contenuto di sale e di grassi ridotto rispettivamente del 30% e del 50% in confronto alle versioni tradizionali. Prodotti con un ridotto contenuto di grassi sono già piuttosto diffusi in tutte e tre le tipologie di formaggi, tuttavia il taglio insieme dei grassi e del sale è invece un elemento nuovo.

Granarolo dà informazioni molto chiare e dettagliate sia sul nuovo prodotto, sia sulle marche di riferimento per il confronto; oltre a quanto indicato in etichetta, sul sito ci sono ulteriori dettagli. Per esempio, lo stracchino Oggi Puoi ha il 30% di sale e il 50% di grassi in meno rispetto ad alcune marche di riferimento di crescenza – Certosa Classica, Stracchino Nonno Nanni, Crescenza Granarolo Alta Qualità e Crescenza Classica Private Label – che insieme hanno pesato per il 64% delle vendite totali di questa categoria di formaggi freschi (a volume) nell’anno 2015. Vengono inoltre riportati i valori nutrizionali in confronto alla media delle marche di confronto.

Il confronto tra i valori nutrizionali dello stracchino Granarolo Oggi Puoi e la media di mercato

Sia l’etichetta, sia il sito web riportano indicazioni chiare anche in merito alla definizione del prodotto, agli ingredienti e allo smaltimento dei componenti l’imballo. Invece, per quanto riguarda i valori nutrizionali, non viene riportata né l’indicazione di una porzione, né le percentuali rispetto ai livelli di assunzione di riferimento. Tuttavia, si può dire che nell’insieme i prodotti della linea Oggi Puoi comunicano molto bene tutte le loro caratteristiche, il tutto con chiarezza e indicazioni semplici.

Per quanto riguarda il prezzo, attualmente sono in atto promozioni. Due dei prodotti, lo stracchino e la mozzarella, sono stati acquistati in un ipermercato Bennet al prezzo di lancio di 1,33 euro il primo e di 99 centesimi il secondo. Da un confronto con altri prodotti delle medesime categorie, anche considerando il prezzo pieno (ad esempio verificando l’offerta nel negozio virtuale di Carrefour) la nuova linea di Granarolo non è più cara dei prodotti “normali”. Un prezzo così abbordabile consente di provare e decidere se il gusto e la consistenza sono pari (o quasi) agli elementi nutrizionali a favore del prodotto.

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare.  Clicca qui

  Valeria Torazza

Valeria Torazza
analisi di mercato

Guarda qui

Gorgonzola, Igor è il primo formaggio italiano a ottenere la certificazione “Lfree” perché naturalmente privo di lattosio. Aumentano le diagnosi di intolleranza, ma resta ancora molta disinformazione

Il Gorgonzola Igor è il primo formaggio italiano che ottiene la certificazione “Lfree”, perché “naturalmente …

Un commento

  1. Bisogna riconoscere che ci sono anche aziende come Granarolo, che hanno compreso prima di tante altre, cosa desiderano i consumatori moderni, più informati e sensibili al tema della giusta alimentazione e prevenzione salutistica.
    La prima con l’acquisizione della vecchia Centrale del Latte di Milano ad aver immesso sul grande mercato, latte e latticini senza lattosio della linea HD ed ora con prodotti leggeri che si aggiungono alla solita vecchia ed unica ricotta ed ai fiocchi di formaggio quark.
    La prima grande latteria italiana ad aver sviluppato anche tutta una linea di bevande vegetali alternative al latte animale.
    E’ di sicuro esempio per tutte le altre aziende italiane che vogliono rimanere sul mercato, ricercando nuove strade alle ormai stantie ricette, superate dall’evoluzione della società e dalla sensibilità dei consumatori.