Home / Pianeta / Sempre in crescita la vendita di frutta e verdura biologiche. Una ricerca di Nomisma sui consumi nella grande distribuzione organizzata

Sempre in crescita la vendita di frutta e verdura biologiche. Una ricerca di Nomisma sui consumi nella grande distribuzione organizzata

biologico
La vendita di frutta e verdura bio è cresciuta del 28% rispetto l’anno precedente

In Italia, tra marzo 2016 e marzo 2017, le vendite di frutta e verdura biologiche a peso imposto, cioè preconfezionate, hanno raggiunto i 147 milioni di euro nei soli supermercati e ipermercati, segnando un aumento del 28% rispetto all’anno precedente, a fronte di un +9% delle vendite di ortofrutta in generale. Il biologico rappresenta il 4,4% sul totale delle vendite di ortofrutta e il 60% delle famiglie italiane ha acquistato frutta e verdura a marchio biologico in almeno un’occasione nel 2016. È quanto emerge da una ricerca Nomisma.

Tra i fattori che spingono in alto l’interesse verso il biologico vi sono reddito e istruzione. L’interesse per l’ortofrutta fresca biologica, poi, è influenzato dagli stili alimentari: 84% nei vegetariani e 83% tra i vegani, mentre tra chi segue la dieta macrobiotica la quota è superiore al 90%.

Le famiglie con figli sotto i 12 anni sono più interessate all’acquisto di prodotti biologici

Anche nei nuclei con figli di età inferiore a 12 anni l’interesse per l’ortofrutta fresca biologica è più alto: le famiglie acquirenti in questo segmento sale al 72% contro il 56% delle famiglie senza figli conviventi o con figli già adolescenti.

Per il 24% degli acquirenti, il primo motivo di acquisto di frutta e verdura biologiche è perché sono più sicure per la salute, per il 23% è perché sono più rispettose dell’ambiente e per il 16% perché sono facilmente accessibili, essendo disponibili nei supermercati abitualmente frequentati.

Il fatto che il biologico sia percepito come un sinonimo di grande qualità è dimostrato dal 63% di acquirenti secondo i quali l’ortofrutta fresca biologica ha caratteristiche organolettiche superiori a quella convenzionale.

© Riproduzione riservata

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare.  Clicca qui

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Il parlamento britannico propone una tassa di 25 centesimi sui bicchieri da caffè usa e getta. 2,5 miliardi di tazze vengono gettate via ogni anno, senza essere riciclate

I parlamentari britannici chiedono l’istituzione di una tassa di 25 centesimi di sterlina sui bicchieri …