Home / Sicurezza Alimentare / Francia, condannato produttore di hamburger contaminati da E. coli. Nel 2011, diciassette bambini furono colpiti da infezione, con conseguenze anche gravi

Francia, condannato produttore di hamburger contaminati da E. coli. Nel 2011, diciassette bambini furono colpiti da infezione, con conseguenze anche gravi

In Francia, condannato l’ex direttore dell’azienda produttrice di hamburger contaminati da E. coli

In Francia, il tribunale di Douai ha condannato a tre anni di prigione, di cui due senza sconti di pena, a 50 mila euro di ammenda e all’interdizione perpetua ad operare nel settore della carne bovina, l’ex-direttore dell’azienda SEB-Cerf, produttrice di hamburger confezionati. Nel giugno del 2011 provocarono il ricovero di 18 persone, di cui 17 bambini, colpiti da infezione provocata dal batterio dell’E. coli, con conseguenze anche gravi. Un bambino che oggi ha otto anni è rimasto invalido all’80%, dopo che l’infezione ha raggiunto il cervello. I risarcimenti per le vittime dell’infezione provocata dagli hamburger contaminati dal batterio E. coli saranno quantificati successivamente.

La carne, della linea Steak Country, era stata acquistata presso i supermercati Lidl, che in seguito cessarono di rifornirsi dall’azienda. La compagnia, con 140 dipendenti, fu poi messa in liquidazione. L’ex-direttore di SEB-Cerf è stato riconosciuto colpevole di lesioni involontarie conseguenti a una deliberata violazione di un requisito di sicurezza. All’epoca dei fatti, SEB-Cherf era il terzo produttore francese di carne trita surgelata. L’associazione dei consumatori Que Choisir, che si è costituita parte civile, ha ottenuto un risarcimento spese di 3 mila euro.

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Epatite E, la carne di maiale cruda o poco cotta è la principale fonte di infezione in Europa. Oltre 21 mila casi in 10 anni

Sono oltre 21 mila i casi di epatite E segnalati nell’Unione europea negli ultimi 10 …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *