Home / Pubblicità & Bufale / Cibo spazzatura: le aziende lo promuovono attraverso Facebook. Una ricerca dell’Irish Heart Foundation

Cibo spazzatura: le aziende lo promuovono attraverso Facebook. Una ricerca dell’Irish Heart Foundation

junk food 178450729
Una ricerca individua in Facebook il canale principale per incintivare la consumo di junk food

Le tecniche di marketing digitale utilizzate dai grandi marchi alimentari per attrarre bambini e adolescenti sono sempre più sofisticate e si sono spostate su Facebook. I genitori non ne sono a conoscenza e non sanno a quali metodi di convincimento  sono esposti i loro figli quando sono collegati ai loro siti preferiti. Una ricerca condotta dall’Irish Heart Foundation, inviata al governo irlandese e già esaminata dall’Organizzazione mondiale della sanità, descrive queste tattiche dei grandi marchi per promuovere cibi ad alto contenuto di grassi, sale e zuccheri. In genere la grafica è molto accattivante, le immagini sono forti e in questo panorama si propongono concorsi, giornate speciali, collegamenti a eventi di intrattenimento, festival e sport, richiami a campioni sportivi e ad altre star popolari tra bambini e adolescenti.

social media facebook marketing
Il nuovo marketing agisce su intenet. Il junk food viene promosso a ragazzi e bambini

Dalla ricerca emerge che, almeno in Irlanda, solo il 10% dei grandi marchi alimentari ha siti dedicati ai bambini. La situazione cambia radicalmente su Facebook, dove i marchi sono presenti con pagine dove si  promuovono cibi e bevande qa ragazzini di età compresa fra 13 e 14 anni, sollecitati a taggare gli amici, mettere “like”, commenti e foto, fornendo molti collegamenti e hashtag. Un sondaggio online condotto tra genitori di giovani adolescenti,  inizialmente indifferenti all’idea del marketing online diretto ai bambini e ai preadolescenti, ha rilevato un cambiamento di posizione, dopo che sono stati mostrati loro alcuni esempi. Il risultato è che tre quarti dei genitori si sono dichiarati molto contrari al marketing digitale di cibi poco salutari, definendo le tecniche utilizzate come immorali e scorrette.

Il rapporto dell’ Irish Heart Foundation, intitolato “Chi nutre i bambini online?”, chiede che le norme pubblicitarie a tutela dei minori adottate per radio e televisione siano estese a tutti i media e venga vietato l’utilizzo di celebrità per la promozione di prodotti ad alto contenuto di grassi, sale e zucchero.

 

 

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Le bugie di Coldiretti su Repubblica.it. Come inventare dati allarmanti sul grano importato, citando anche i rapporti del Ministero della Salute

Oggi un articolo di Repubblica.it firmato da Cristina Nadotti sulla questione della guerra del grano …