Home / Etichette & Prodotti / Nuove etichette alimentari: la normativa UE rivela tutti i segreti, il libro “L’etichetta” ve li spiega. Raccolti 90 mila euro

Nuove etichette alimentari: la normativa UE rivela tutti i segreti, il libro “L’etichetta” ve li spiega. Raccolti 90 mila euro

Il 22 novembre è stato pubblicato il nuovo regolamento europeo sulle diciture delle etichette alimentari. Si tratta di una rivoluzione per l’ntero settore perché permetterà ai consumatori di scoprire con più facilità i segreti dei prodotti esposti sugli scaffali dei supermercati. Le novità sono rilevanti, per esempio non ci saranno più segreti per gli “oli vegetali” che dovranno indicare la tipologia (soia, palma…), è obbligatoria la tabella nutrizionale, le diciture scritte con caratteri tipografici invisibili sono state vietate, l’elenco degli ingredienti sarà più chiaro…

 

Buone notizie anche per le persone allergiche visto che le sostanze allergizzanti dovranno essere evidenziate in grassetto o con un colore diverso. Si potrà persino utilizzare il semaforo per indicare se i cibi contengono troppi grassi o troppi zuccheri.

Vista l’importanza dell’evento e le numerose novità, Il Fatto Alimentare ha deciso di pubblicare “L’etichetta”, un ebook di 50 pagine scritto dal nostro collaboratore Dario Dongo, che analizza tutti gli aspetti del regolamento e commenta con numerosi esempi la normativa.

 

L’autore e l’editore hanno deciso di trasformare il libro in un progetto per raccogliere fondi a favore della Somalia. Oltre 60 operatori hanno aderito e sono stati raccolti e versati direttamente 90.000 euro a: Agire, Medici senza Frontiere e Oxfam.

“L’etichetta” si può scaricare  gratuitamente  oppure facendo una micro donazione alle tre Onlus.

 

Le  novità di rilievo le abbiamo riassunte in questo schema.
– Gli alimenti confezionati devono avere una tabella nutrizionale con sette elementi (valore energetico, grassi, acidi grassi saturi, carboidrati, proteine, zuccheri e sale) riferiti a 100g o 100ml di prodotto, che potrà essere affiancata da dati riferiti ad una porzione. Si possono utilizzare altri schemi come i semafori attualmente in auge nel Regno Unito, solo se di facile comprensione.
– Le diciture devono essere visibili, è quindi previsto un carattere tipografico minimo di 1,2 mm (0,9 mm per le confezioni più piccole).

 

È obbligatorio indicare il Paese d’origine o il luogo di provenienza per la carne suina, ovina, caprina e il pollame (l’obbligo scatta entro due anni). La Commissione europea valuterà entro cinque anni se estendere l’origine:

a) a latte e prodotti non trasformati o mono-ingrediente;
b) ad alcuni ingredienti come il latte nei prodotti lattiero-caseari, la carne nella preparazione di altri cibi o altri quando rappresentano più del 50% dell’alimento
 

Un alimento congelato o surgelato venduto scongelato deve riportare sull’etichetta la parola “scongelato”
– La carne, le preparazioni a base di carne e i prodotti della pesca venduti come filetti, fette, o porzioni che sono stati arricchiti con una quantità di acqua superiore al 5% devono indicare la presenza sull’etichetta
– La carne, le preparazioni di carne e i prodotti della pesca proposti come una fetta o un filetto ma composti da diversi pezzetti uniti con additivi o enzimi devono specificare che il prodotto è ottenuto dalla combinazione di più pezzi (per esempio: carne separata meccanicamente)

 

I salumi insaccati devono indicare quando l’involucro non è commestibile
– Gli allergeni devono essere evidenziati nella lista degli ingredienti con accorgimenti grafici (grassetto o colore)

 
La scritta “oli e grassi vegetali” deve essere abbinata all’indicazione del tipo di oli o grassi utilizzato (es. soia, palma, arachide). Nelle miscele è ammessa la dicitura “in proporzione variabile”
– L’acqua aggiunta quando la presenza nel prodotto finito è superiore al 5% deve essere dichiarata in etichetta
– Caffeina: le bevande diverse da tè, caffè e dai drink a base di tè e caffè con un tenore di caffeina maggiore di150 mg/l devono riportare sull’etichetta oltre alla scritta “Tenore elevato di caffeina” (introdotta nel 2003) l’avvertenza “Non raccomandato per bambini e donne in gravidanza o nel periodo di allattamento”
– La data di scadenza deve essere riportata anche sulle confezioni  preconfezionate all’interno del prodotto
– La carne, le preparazioni a base di carne e i prodotti ittici surgelati o congelati non lavorati, devono indicare  il giorno, il mese e l’anno della surgelazione o del congelamento.

 

Acidi grassi trans: entro tre anni dall’entrata in vigore del regolamento verrà redatto un rapporto per valutare l’opportunità di riportare la presenza di acidi grassi trans nella tabella nutrizionale. Sino a quel momento è vietato riportare questa  indicazione anche in modo volontario

– Le diciture obbligatorie, le indicazioni nutrizionali e quelle relative all’origine devono essere nello stesso campo visivo della denominazione di vendita.

 

Quando la superficie della confezione è inferiore a 10 cm2 è sufficiente riportare le notizie essenziali: denominazione di vendita, allergeni eventualmente presenti, peso netto, termine minimo di conservazione (“da consumarsi preferibilmente entro…”) o data di scadenza (“da consumarsi entro…”). L’elenco degli ingredienti può essere indicato anche con altre modalità (ad esempio negli stand di vendita) e deve essere disponibile su richiesta del consumatore.

 

Il regolamento entrerà in vigore venti giorni dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale Ue, e le nuove regole dovranno essere applicate entro tre anni (cinque per le informazioni nutrizionali).

 

Roberto La Pira

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
giornalista, tecnologo alimentare

Guarda qui

mr day merendine senza olio di palma

Mr Day: via l’olio di palma da tutte le merendine. In arrivo le nuove ricette senza il grasso tropicale

Le merendine Mr Day da oggi saranno senza olio di palma. Con un comunicato di ...

9 Commenti

  1. Sono interessato a queste notizie per il lavoro che svolgo, e ho trovato http://www.safelabel.eu che tratta il tema. QUalcuno conosce il sito? avete già provato il loro software di etichettatura? Funziona?

  2. Roberto La Pira

    Non conosco questo sito , ma se è interessato per motivi di lavor all’argomento etichette alimentari può rivolgersi a http://www.totalqualityfood.com/.

  3. Ma siamo sicuri che che l’applicazione delle nuove regole saranno applicate con ragionevole lasso di tempo? Gli imballi già pronti per l’utilizzo ma non in linea con il nuovo dettato normativo potrebbero essere banditi nel volgere di pochi giorni?

  4. Scusate, avete i riferimenti del Regolamento per poterlo scaricare?
    Grazie

  5. Roberto La PIra

    Se clicca sul primo link di questo articolo può scaricare la normativa

  6. ma lo normativa richiede sale o Sodio?
    perchè c’è una bella differenza…
    comunque i migliori sono quelli della SafeLabel

  7. sapete quali articoli del regolamento troveranno subitoapplicazione e quali aspetti andranno a modificare senza dover aspettere 5 anni?

  8. In Italia io penso si stia diffondendo un ‘sistemino’ per aggirare i problemi legati all’iter di registrazione di un farmaco e al giro di vite che hanno subito ultimamente da parte dell’EFSA gli integratori (lunedì 5 dicembre u.s., infatti, i rappresentanti dei 27 Stati membri riuniti nel Comitato permanente per la catena alimentare, hanno sostenuto il progetto della Commissione Europea sull’adozione di un elenco di indicazioni sulla salute consentite, da utilizzare sui prodotti alimentari).
    Io ho trovato due preparazioni uso orale (sciroppi per la tosse, con grindelia, piantaggine, ecc.), Grintuss di Aboca e Mucovit Fluxus di Erbavita, registrate come â

  9. Il Sig. Pancrazi sta riempiendo l’intero web con questo messaggio copiato ed incollato in qualsiasi forum. Si lasci dire Sig. Pancrazi, da una persone che i Dispositivi li progetta, che il suo modo di fare informazione è incompleto e decisamente "di parte". Se si prendesse la briga di leggersi la Direttiva comunitaria 93/42/CE si renderebbe conto che la progettazione di questi prodotti è finemente regolamentata. Da cosa scaturisce tutto il suo sdegno verso questi prodotti?