Home / Etichette & Prodotti / Francia: 238.000 firme per la petizione favorevole all’etichetta nutrizionale a cinque colori. Polemiche sulla sperimentazione

Francia: 238.000 firme per la petizione favorevole all’etichetta nutrizionale a cinque colori. Polemiche sulla sperimentazione

spesa supermercato anziani 156896407
Una petizione chiede l’adozione dell’etichetta nutrizionale a cinque colori

Una petizione lanciata in Francia per chiedere  l’adozione dell’etichetta nutrizionale a cinque colori, ha raccolto più di 238.000 firme ed è stata consegnata alla ministra della Salute, Marisol Touraine, dall’eurodeputata ecologista Michèle Rivasi. La petizione ricorda come vari studi abbiano indicato in questo tipo di etichetta la migliore soluzione per i consumatori, perché più facilmente comprensibile. L’etichetta denominata Nutri-Score è composta di cinque colori e cinque lettere, associati tra loro. La lettera A con il verde scuro, indica la valutazione migliore, mentre la lettera E abbinata al colore rosso indica la peggiore. Il giudizio è realizzato prendendo come riferimento l’insieme dei principali ingredienti.

L’industria che si è dichiarata contraria alla proposta  sostiene l’etichetta SENS, presentata da Carrefour, che è caratterizzata da un imbuto con quattro colori e una scritta che indica la frequenza ottimale di consumo, in base ai nutrienti. Le frasi sono cinque: molto frequentemente, frequentemente, regolarmente in piccole quantità, moderatamente, occasionalmente in piccole quantità.

etichetta nutrizionale
Un esempio di etichetta nutrizionale colorata

Intanto, è quasi terminato il primo mese della sperimentazione condotta su  quattro tipologie di etichetta nutrizionale. Sulla base dei risultati di questa ricerca il governo dovrà scegliere quale sarà il modello che potrà essere  adottato volontariamente dall’industria alimentare. Dopo le polemiche di questa estate sui conflitti di interesse di alcuni membri dei comitati preposti alla sperimentazione, ora le contestazioni riguardano la sua attendibilità, visti i pochi prodotti alimentari etichettati nei 40 supermercati coinvolti. I problemi sono stati denunciati prima da “Le Monde” e poi da un gruppo di ricercatori dell’Inserm (Institut national de la santé et de la recherche médicale).

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

latte in polvere

Latte in polvere senza i contaminanti cancerogeni dell’olio di palma: ora c’è. Report riporta il problema al centro dell’attenzione

La presenza di olio di palma tra gli ingredienti del latte artificiale per neonati continua …

Un commento

  1. 238000 firme? Tutto lì? Pochissime.