Home / Sicurezza Alimentare / Epatite E, la carne di maiale cruda o poco cotta è la principale fonte di infezione in Europa. Oltre 21 mila casi in 10 anni

Epatite E, la carne di maiale cruda o poco cotta è la principale fonte di infezione in Europa. Oltre 21 mila casi in 10 anni

È la carne di maiale cruda o poco cotta la principale causa di infezione da epatite E in Europa

Sono oltre 21 mila i casi di epatite E segnalati nell’Unione europea negli ultimi 10 anni. “Anche se non è diffusa quanto altre malattie trasmesse da alimenti – dichiara  Rosina Girones, presidente del gruppo di lavoro Efsa sull’epatite E, che ha pubblicato un documento sui rischi associati all’infezione – questa forma di epatite è motivo di crescente preoccupazione”. L’alto livello di attenzione è dovuto soprattutto all’incremento delle infezioni segnalate nel corso degli anni: i numeri sono aumentati di 10 volte. Come riporta l’Ecdc in un rapporto sul virus, l’80% dei casi è stato segnalato da Germania, Francia e Regno Unito. L’Istituto superiore di sanità, responsabile del monitoraggio in Italia, ha contato complessivamente 211 casi di epatite E acuta.

“In passato si riteneva che la principale fonte di infezione fosse l’acqua contaminata bevuta durante viaggi fuori dall’Ue. Ora invece sappiamo che la principale fonte di trasmissione della malattia in Europa è il cibo” spiega Girones. I maggiori portatori del virus sono i maiali domestici e i cinghiali e l’infezione avviene principalmente attraverso la carne di maiale cruda o poco cotta. Per contrastare la diffusione del virus, gli esperti raccomandano agli Stati membri di sensibilizzare l’opinione pubblica sui rischi legati al consumo della carne di maiale cruda e di sviluppare metodi per rilevare il virus dell’epatite E negli alimenti, come è stato fatto per quello dell’epatite A.

L’epatite E è pericolosa per le donne in gravidanza, per chi soffre di malattie al fegato e per gli immuno-compromessi

Se una volta la patologia era considerata tipica dei paesi in via di sviluppo, adesso la valutazione è cambiata e la questione è ritenuta un problema emergente nei paesi occidentali. Nella maggior parte delle persone, la malattia è asintomatica, mentre nei soggetti con il sistema immunitario compromesso o con patologie al fegato, il virus può causare insufficienza epatica, talvolta con esisti fatali. Particolare attenzione devono prestare le donne in gravidanza, per cui l’infezione può essere particolarmente grave e nel 20% dei casi avere esiti letali.

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare.  Clicca qui

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

linguine gamberi frutti di mare cartoccio alluminio

Quasi metà dei tedeschi cerca di evitare il contatto dei cibi con l’alluminio. Indagine dell’Istituto BfR sulla percezione del rischio da parte dei consumatori

Dopo la plastica, l’alluminio è la sostanza che solleva le maggiori preoccupazioni sulla sua possibile …