Home / Efsa / Comunicazione del rischio: pubblicate le nuove linee guida dell’Efsa. Fondamentali cooperazione e coerenza

Comunicazione del rischio: pubblicate le nuove linee guida dell’Efsa. Fondamentali cooperazione e coerenza

comunicazione del rischio
L’Efsa ha pubblicato le nuove linee guida sulla comunicazione del rischio

L’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) ha pubblicato la nuova edizione del dossier sulla comunicazione del rischio, “When food is cooking up a storm: proven recipes for risk communications” (“Quando il cibo sta provocando una tempesta: modelli da usare per la comunicazione del rischio”). Il documento fornisce un quadro generale  sulle modalità di comunicazione da adottare da parte delle autorità sanitarie pubbliche in situazioni legate alla sicurezza alimentare. Quando c’è un’emergenza è necessario adottare strategie validate. Il documento riprende i principi che stanno alla base di una buona comunicazione del rischio (chiarezza, trasparenza, indipendenza, puntualità), ricorda quali sono i fattori da considerare (natura del pericolo, livello di esposizione, soggetti coinvolti…) e sottolinea quali sono gli strumenti e i canali a disposizione da usare (media, siti web, social network…). Un’intera sezione è dedicata a casi realmente accaduti. Gli esempi riportati servono per capire in che modo sono stati gestiti gli aspetti comunicativi relativi ai problemi che hanno colpito la catena di approvvigionamento alimentare negli ultimi anni come nel caso dell’acrilammide.

© Riproduzione riservata

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Clara Gasparri

Guarda qui

La resistenza agli antibiotici in Europa resta alta: il rapporto congiunto di Efsa e Ecdc. Preoccupazione per la Salmonella multifarmacoresistente

Alcuni batteri presenti nell’uomo, negli animali e nei cibi continuano a presentare resistenza ad antibiotici …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *