Home / Ebook “Più che gas: alimenti” di Food Packages

Ebook “Più che gas: alimenti” di Food Packages

ebook piu che gas alimenti libro food packages

 

Scarica gratis il libro di M. A. Fino, L. Torri e G.Porto

“Più che gas: alimenti”

 

Pubblicato da Food Packages Free Press.

 

Inserisci i tuoi dati e riceverai via mail le istruzioni per scaricarlo. In questo modo, se ancora non sei iscritto, riceverai gratuitamente anche la nostra newsletter settimanale e quella di Food Packages.

 

Nome Cognome E-Mail*  
Le donazioni si possono fare:
* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui
* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264
indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare. PayPal). Clicca qui

23 Commenti

  1. perchè quandi i NAS. sequestrano cibi scaduti ecc. non pubblicano marchi produttori coinvolti ?

    • Se un cibo scade nel deposito di un distributore o sugli scaffali di un supermercato, cosa c’entra il produttore?

    • la data di preferibile consumo (da consumarsi preferibilmente entro il, da consumarsi entro il) non è una scadenza. In tal caso i sequestri sono illegittimi. la scadenza è indicata come: scade il, scad. etc. la data di preferibile consumo indica il momento sino al quale il produttore si assume la responsabilità della rispondenza delle caratteristiche del prodotto a quanto dichiarato. oltre tale data il prodotto può aver subito dei processi degradativi che, in genere, non comporta la pericolosità per il consumo.

    • Sono d’accordissimo con Lei, sembra che vogliano tutelare queste persone….invece vogliamo sapere, visto che noi consumatori siamo i diretti interessati….

    • Perché, purtroppo, le nostre leggi vietano di indicare i responsabili di reati, finché non viene dimostrata la loro colpevolezza, attraverso un procedimento penale.

  2. questa è la notizia un big G.D.O vende formaggi con la dicitura : INCARTATO IL …….MANCA SOLO LA DATA DI

    SCADENZA ….A SCELTA DEL CONSUMATORE .NON DICO ALTRO GRAZIE.

    • In tal caso, certamente, va sequestrato tutto.

    • Mi spiace ma dissento, i formaggi, specie gli stagionati sono spesso più buoni quando sono oltre quella che fino a poco tempo fa era la data di scadenza, quindi l’indicazione di incarto permette come già detto di scegliere entro quando consumare un prodotto che evolve nel tempo

  3. Margherita Gherardi

    Grazie perché fino ad oggi mangiavo la nutella a merenda. Da ora basta.

  4. sempre interessanti e approfonditi i vostri servizi

  5. Io uso cereali a colazione,diciamo pure integrali!
    Ma voi avete mai potuto rintracciare un cereale?
    Metteteci pure il biologico!
    “Fabbricato in EU”
    Ps: tra poco l’UE sarà più grande dell’Africa!!

  6. Tutti noi consumatori dovremmo essere tutelati, quando compriamo un prodotto che finisce nelle nostre tavole e nei piatti dei bambini, dovremmo avere la certezza di quello che ingeriamo. Io pretendo ed esigo che nelle etichette ci sia tutta la storia di quel prodotto: dove nasce, chi lo lavora, gli ingredienti, la VERA scadenza ecc ecc…..Non ci regalano i prodotti ma sborsiamo soldi quindi è un nostro diritto SAPERE PER SAPER SCEGLIERE CONSAPEVOLMENTE

    • concordo in pieno e sottolineo fortemente la richiesta già espressa da Ketty.

    • Il problema a fronte di una richiesta del genere è che lievitano i costi, sarai poi disponibile a pagare più caro un prodotto per avere una certificazione di filiera tale da essere inoppugnabile come vuoi tu o poi dopo aver fatto muovere il mercato in questa direzione sarai una delle tante persone che si rivolgeranno a prodotti Discount?
      Un lavoro di certificazione costa molto più del prodotto stesso, specialmente quelli che forniscono “garanzie” totali (si veda il settore armamenti, aeronautico, petrolchimico per esempio, dove lo stesso dispositivo comprato per applicazioni civili normali viene a costare 5-20 volte tanto a causa delle certificazioni). Mai dimenticarsi che ogni forma assicurativa implica un aumento dei costi di parecchi fattori rispetto al prodotto senza garanzie (che non vuol necessariamente dire dannoso e/o di cattiva qualità). A margine di tutto ciò, come farai a sapere che i garanti delle garanzie che chiedi stiano effettivamente compiendo il loro lavoro?
      La vita ha e sempre avrà un residuo di rischio che è necessario accettare, altrimenti le regole che chiediamo possono diventare una gabbia dalla quale non sarà più possibile uscire per nessuno di noi, senza peraltro poter garantire quel determinismo che è solo una malattia della nostra società!
      Non dimenticare che le regole e le certificazioni che tu chiedi per il lavoro degli altri qualcuno potrebbe chiederle per il tuo! E’ esattamente il futuro che desideri?

    • Ketty sono d’accordo con te per poter comperare nei supermercati bisogna essere piu’ accorti informati.

  7. noi cittadini non siamo esseri da tutelare,
    ma per il sistema mondiale americano, che comanda i giochi,
    siamo solo elementi da sfruttare per generare le loro ricchezze…
    dimenticatevi altre nostre funzioni…a livello economico..
    mentre a livello umano, la nostra funzione è mandare avanti la vita dell’umanita’…
    ma questo e’ un pensiero che non appartiene a loro….

    • Alessio hai centrato in pieno il problema: noi siamo i capri espiatori delle multimazionali che, guarda caso, sono in maggioranza americane: non hanno remore neppure per i loro cittadini: basta andare negli USA per vedere quanti obesi extra-size girano per le strade grazie alla spazzatura che ingurgitano. Da parte mia non compro assolutamente niente di quella robaccia e come me tutta la famiglia e gli amici che hanno aperto gli occhi grazie anche a questo sito!

  8. Scusate un azienda vinicola con produttore di azoto, che documentazione deve avere X dimostrare che il suo produttore produce azoto alimentare? Sul generatore che grado di purezza si deve leggere?grazie a chi mi sa rispondere

  9. rispondo al sig. Codeluppi: sì, è il futuro che desidero! se è tanto difficoltoso fornire garanzie, non vuol dire che sia giusto e che bisogni continuare così, si chiede un cambiamento delle regole! altrimenti l’unica alternativa x non farti avvelenare di pesticidi o fregare sul prezzo resterebbe l’andare direttamente dal produttore, ma x chi vive in città è difficile…x quanto riguarda le certificazioni sul nostro lavoro, x questo ci stanno già massacrando, quindi…

  10. Qualcuno può spiegarmi perché i produttori italiani di pasta, che è l’alimento insieme alla pizza più consumato, non indicano la provenienza del grano che usano? Penso che siano rarissime le ditte che utilizzano grano italiano. Assurdo!
    Bisogna pretenderlo nell’elenco degli ingredienti!!! Non voglio mangiare pasta ucraina o altro. Pretendo la nostra pasta!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *