Home / Pianeta / Da Eataly un milione di euro per il “restauro ambientale” dell’Ultima Cena di Leonardo. Altri 1,2 milioni dal Ministero dei beni culturali

Da Eataly un milione di euro per il “restauro ambientale” dell’Ultima Cena di Leonardo. Altri 1,2 milioni dal Ministero dei beni culturali

Eataly finanzierà con un milione di euro il “restauro ambientale” del Cenacolo di Leonardo da Vinci

Un milione di euro in due anni da Eataly per il “restauro ambientale” dell’Ultima Cena, il celeberrimo dipinto di Leonardo da Vinci. Altri 1,2 milioni sono stati messi sul piatto da enti statali per realizzare un nuovo sistema ambientale nel refettorio di Santa Maria delle Grazie, progettato dal Ministero dei beni culturali in collaborazione con l’Istituto superiore per la conservazione e il restauro, CNR, Politecnico di Milano e Università Bicocca.

Il progetto è stato presentato a Eataly Smeraldo da Oscar Farinetti il  19 aprile con lo slogan “Una cena così non la puoi perdere”. Il nuovo impianto consentirà un ricambio d’aria superiore – dagli attuali 3.500 metri cubi di aria al giorno a 10 mila – nella sala e di conseguenza un maggiore afflusso di visitatori senza i rischi per il capolavoro legati alle polveri sottili.

Farinetti ha presentato il progetto del Ministero dei beni culturali in una serata a Eataly Smeraldo

La catena del cibo Made in Italy è l’unico finanziatore privato del progetto. In cambio del finanziamento, in tutti i negozi Eataly sarà possibile prenotare una visita speciale al Cenacolo della durata di 50 minuti. Tuttavia l’associazione dei consumatori Codacons non vede di buon occhio i possibili vantaggi per l’azienda di Farinetti e si prepara a salire sulle barricate, presentando un’istanza a Ministero e Soprintendenza milanese “per visionare l’accordo siglato con Eataly e verificare tutte le condizioni.”

© Riproduzione riservata

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare.  Clicca qui

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

Foodora, Just eat, Deliveroo… L’enorme l’impatto ambientale della consegna a domicilio. Le soluzioni sono ancora lontane

Ricevere il cibo a domicilio è comodissimo: basta una telefonata, e un ragazzo parte sfrecciando …

2 Commenti

  1. Ravecca Massimo

    Il “non finito” è la caratteristica del genio. Come il “non luogo”, il “non nome”, ecc… L’astuto Ulisse crea un “non nome”, Nessuno, per ingannare Polifemo, e un “non luogo”, il cavallo di legno, per ingannare i troiani. Queste entità frutto di processi ricorsivi, inclusivi, speculari sono state usate anche da Gesù e Michelangelo. Quest’ultimo nella scultura diede origine al termine. L’Adorazione dei Magi di Leonardo da Vinci è un “non finito” e non un opera incompleta, perché l’autore si ritrasse sul bordo destro (per chi guarda), mentre si dirigeva a Milano. Si rappresentò mentre usciva dal quadro e da Firenze. Cfr. Ebook/Kindle. Leonardo e Michelangelo: vita e opere.

  2. Guarda caso il Codacons non è d’accordo!