Home / Nutrizione / Diminuiscono le bevande zuccherate nei menu per bambini dei ristoranti statunitensi

Diminuiscono le bevande zuccherate nei menu per bambini dei ristoranti statunitensi

bevande zuccherateNegli ultimi otto anni, i ristoranti statunitensi che includono bevande zuccherate nei loro menu per bambini sono diminuiti di quasi il 20% ma resta ancora molto da fare. È questa l’opinione del Center for Science in the Public Interest (CSPI), che ha analizzato l’offerta per bambini delle 50 maggiori catene di ristoranti degli Usa, rilevando che 38 di esse includono bevande, che nel 74% dei casi includono anche bevande zuccherate. Una percentuale ancora alta ma in significativa diminuzione rispetto al 93% del 2008.

Secondo il CSPI, i ristoranti hanno il potere di cambiare l’ambiente alimentare e dovrebbero fare di più in favore dei bambini e delle loro famiglie, visto che un quarto delle calorie assunte dai minori proviene dai ristoranti e le bevande sono una delle maggiori fonti di calorie, senza alcun valore nutrizionale ma importanti effetti nella diffusione dell’obesità. Il CSPI evidenzia anche come l’esperienza di McDonald’s dimostri che la rimozione delle bevande zuccherate dai menu per bambini non uccide gli affari. Infatti, negli Usa, McDonald’s ha eliminato queste bevande dal luglio 2014 e nei primi undici mesi ha venduto 21 milioni di confezioni in più di latte con pochi o senza grassi e di succhi di mela 100%, rispetto all’anno precedente.

In Italia, invece, l’Happy Meal di McDonald’s include una bibita a scelta tra: Coca-Cola, Coca-Cola zero, Fanta, Sprite, Lipton Ice Tea Limone, Lipton Ice Tea Pesca, Acqua Lilia naturale, Acqua Lilia frizzante, Succo Bio di Mela.

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2017.  Clicca qui

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

I dolcificanti artificiali disturbano il metabolismo. Uno studio della Yale University

Quando il gusto dolce di una bevanda o di un alimento e il contenuto calorico …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *