Home / Etichette & Prodotti / Dalla Coca-Cola Zero a quella “No Sugar”. Lanciata in Australia e Nuova Zelanda la nuova versione senza zucchero ma dal gusto più simile alla classica

Dalla Coca-Cola Zero a quella “No Sugar”. Lanciata in Australia e Nuova Zelanda la nuova versione senza zucchero ma dal gusto più simile alla classica

Coca-ColaDal 16 giugno in Australia e Nuova Zelanda è in vendita la nuova Coca-Cola No Sugar. La nuova bibita è  frutto di una ricerca durata cinque anni per trovare una formula in grado di mantenere  il gusto della Coca-Cola classica   senza però aggiungere lo zucchero. La Nuova variante, che ha esordito un anno fa, sarà lanciata progressivamente nei vari Paesi  dove prenderà il nome di Zero Sugar. È già successo in Gran Bretagna, dove la scorsa estate la nuova bevanda ha sostituito la Coca-Cola Zero con una campagna pubblicitaria costata 10 milioni di sterline, dopo che un’indagine di mercato aveva rilevato che il 50% delle persone non sapeva che la versione “Zero”, lanciata nel 2006, non contenesse zucchero.

In Australia e Nuova Zelanda, il lancio della nuova Coca-Cola No Sugar sarà accompagnato dall’offerta gratuita di oltre due milioni di campioni, attraverso una campagna di marketing che utilizzerà anche voucher scaricabili dai cellulari. Per un certo periodo sarà ancora disponibile anche la Coke Zero, che poi sarà rimpiazzata dalla nuova arrivata.

Come si legge sul sito australiano , la nuova versione No Sugar utilizza gli stessi dolcificanti di Coke Zero e Diet Coke, cioè aspartame e acesulfame, e contiene gli stessi ingredienti. La differenza fondamentale viene indicata in “un’ulteriore ottimizzazione dei sapori”.

© Riproduzione riservata. Foto: Coca-colacompany.com

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare.  Clicca qui

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Coldiretti: “L’etichetta semaforo rischia di promuovere il cibo spazzatura”. Ennesima bufala della lobby, contro il miglior sistema per informare i consumatori approvato dall’OMS

Mentre in Francia un gruppo composto da 26 associazioni ( società scientifiche di medici, associazioni …

Un commento

  1. Mi sembra un banale rebranding del marchio “Coca Cola Zero”…