Home / Sicurezza Alimentare / Scandalo carni brasiliane: il Ministero della Salute interviene e rafforza i controlli, la Commissione europea esita

Scandalo carni brasiliane: il Ministero della Salute interviene e rafforza i controlli, la Commissione europea esita

“Alla riunione di emergenza con gli Stati membri, il 27 marzo, – spiega l’avvocato Dario Dongo – la Commissione ha fatto sapere che non intende adottare misure sulle carni brasiliane già importate (dal Brasile) prima dell’emersione della notizia sull’operazione denominata “carne fraca”. Ciascuno a casa sua decida che farne (1).” (Leggi l’articolo)

Il Ministero della Salute in Italia procede intanto di buona lena, per la migliore garanzia della sicurezza alimentare e la salute dei cittadini. Con una nota diramata il 31 marzo, la Direzione Generale per l’Igiene e Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione (2) ha offerto le istruzioni operative.

carni brasiliane
Le carni fresche brasiliane importate in Italia saranno sottoposte a maggiori controlli

Tutte le carni brasiliane fresche che siano provenute in Italia dagli stabilimenti oggetto di inchiesta devono perciò venire sottoposte ai controlli che seguono:

– verifica di identità, etichettatura, condizioni igieniche e stato di conservazione,

– analisi su Salmonella (enteritidis, tiphymurium e avariante monofasica) ed Escherichia coli produttore di tossina Shiga (STEC),

– analisi per la ricerca di acido ascorbico e acido sorico. (3)

Qualora l’esito sia sfavorevole, la partita deve ritenersi non conforme ai parametri di sicurezza alimentare prescritti dalla normativa vigente. (4) E perciò esclusa dall’impiego nella filiera della nutrizione umana.

Note

(1) Alla riunione 27.3.17 dello Standing Committee for the Food Chain and Animal Health la Commissione ha fornito indicazioni armonizzate solo sui controlli sull’importazione delle carni fresche dall’intero territorio del Brasile. Lasciando ai singoli Stati membri la scelta di eventuali provvedimenti sulla carni già importate prima dell’entrata in vigore delle misure restrittive prese a seguito delle prime notizie sull’operazione “carne fraca”

(2) Direttore Generale Dr. Giuseppe Ruocco. Ufficio 2, Igiene degli alimenti ed esportazione, Responsabile Dr. Pietro Noè

(3) Analisi non richieste laddove gli stessi parametri siano già stati analizzati in sede di controllo del PIF al momento dell’importazione

(4) Ai sensi del reg. CE 178/02, articolo 14

gift dario dongo

logo-fare

 

 

 

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare.  Clicca qui

  Dario Dongo

Dario Dongo
Avvocato, giornalista. Twitter: @ItalyFoodTrade

Guarda qui

Sicurezza alimentare: pubblicato il rapporto Rasff del 2016. Segnalazioni in calo e tempi di intervento più rapidi

La Direzione generale per l’igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione del Ministero …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *