Home / Controlli e Frodi / Fino al 15% della carne bovina italiana è trattata con anabolizzanti e sostanze vietate. Lo dice il piano di monitoraggio commissionato dal Ministero della salute

Fino al 15% della carne bovina italiana è trattata con anabolizzanti e sostanze vietate. Lo dice il piano di monitoraggio commissionato dal Ministero della salute

carne bovina farmaci iStock_000015310627_Small
Con i test istologici si individuano percentuali molto più elevate di capi trattati con farmaci illeciti  rispetto ai test chimici ufficiali

Fino al 15% della carne bovina italiana è trattata con steroidi anabolizzanti, corticosteroidi e altre sostanze vietate. Questo è quanto emerge dai test istologici realizzati in Italia per individuare gli effetti delle sostanze vietate su alcuni organi dei bovini. Con questa tecnica si individuano percentuali decisamente più elevate rispetto ai valori dei test chimici che sono sempre molto tranquillizzanti. In alcuni casi si arrivano a toccare punte del 15%. Sono i preoccupanti risultati dall’ultima relazione del piano di monitoraggio compilata 12 giorni fa dall’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta che Il Fatto Alimentare è riuscito a visionare.

 

La questione non è nuova. Possiamo dire tranquillamente che il trattamento illecito dei bovini è una costante negli ultimi 40 anni non solo in Italia ma anche in Europa. L’ultima nostra denuncia risale al 31 dicembre 2013 con un’inchiesta firmata da Valentina Murelli dove si stimava che il 15% dei capi macellati in Italia sono trattati. La percentuale deriva da indagini condotte con un metodo biologico alternativo alle metodiche chimiche, il metodo istologico rapido ed efficace ma non ancora riconosciuto ufficialmente. Dallo screening erano emersi 968 campioni giudicati “sospetti”. Ecco cosa scrivevamo allora.

 

Quando vengono utilizzate queste tecniche i risultati sono molto diversi rispetto ai dati estremamente rassicuranti che emergono dai vari piani nazionali. Gli esperti dell’Efsa citano due studi secondo i quali anomalie istologiche imputabili a trattamenti con ormoni anabolizzanti si troverebbero in un numero piuttosto elevato di campioni: dal 5 al 15% in un caso e dall’11,7% al 31,9% nell’altro. Secondo quanto ci era stato riferito dal Centro di referenza nazionale per le indagini biologiche sugli anabolizzanti animali, in Italia il 15% dei campioni esaminati con metodo istologico mostrerebbe non conformità”.

 

tabella steroidi carne
La tabella riassume la situazione relativa al numero di trattamenti illeciti sui bovini, suddivisa per casi “sospetti” e “dubbi”

A distanza di sei mesi qualcosa è cambiato. La relazione annuale del Centro di referenza nazionale per le indagini biologiche sugli anabolizzanti animali di Torino, che un collaboratore romano ci ha spedito, conferma il precedente dato sul livello di trattamenti illeciti (fino al 15%) anche se precisa di non poter “fornire stime sul livello di prevalenza regionale o nazionale”.

 

Dai rilevamenti effettuati in 18 Regioni (vedi tabella) risulta che l’esame istologico condotto su 72 bovini rispetto ad un totale di 514 sono stati classificati come “sospetti” per la presenza di corticosteroidi. Per quanto riguarda il trattamento illecito con ormoni steroidei sessuali i casi “sospetti” sono stati 12 rispetto a un totale di 576 capi esaminati. L’ultimo dato riguarda i casi “dubbi” per trattamento illecito a base di corticosteroidi: 74 su 512 capi (vedi filmato in fondo all’articolo).

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
giornalista, tecnologo alimentare

Guarda qui

sacchetti plastica inquinamento

Sacchetti biodegradabili: oltre l’80% contiene ancora polietilene. La denuncia di Legambiente che chiama i cittadini all’azione

Nell’ambito della campagna #unsaccogiusto ideata da Legambiente e dalla rivista La Nuova Ecologia per contrastare ...

2 Commenti

  1. Visto il susseguirsi di notizie circa frodi alimentari e via dicendo, sono molti quelli a cui non interessa ” salvaguardare anche il buon nome e a qualità” dei prodotti made in Italy, cosa questa che forse paga sul breve periodo, ma che di fatto colpisce duramente chi lavora onestamente, con qualità e confrontandosi con il consumatore, perchè la Qualità, se abbinata alla Trasparenza, paga ancor di più.
    Vedi: http://paoblog.net/2013/07/19/consumatori-174/
    *
    D’altro canto la qualità alimentare ed il turismo potrebbero farci vivere di rendita eppure frodi alimentari da una parte e solite furbate con turisti spennati dall’altra, sembriamo un paese di tafazzi, tutti a darsi martellate sui …..

    • Sono d’accordo con Paoblog. E’ comunque vero che una parte di carni prodotte in Italia proviene da animali trattati in modo fraudolento, però voglio dire che anche le carni provenienti da altri paesi non sono immuni da trattamenti illeciti. Pertanto, sono parzialmente tranquillo circa la qualità della carne nazionale, non lo sono affatto sulla qualità delle carni di provenienza da altri paesi, Ce ed extra Ce in particolare. Qualità alimentare e paesaggistica su questo dovremmo veramente riflettere.