Home / Pianeta / Campbell: la minestra di Andy Warhol è favorevole agli OGM, ma auspica anche un’etichettatura trasparente

Campbell: la minestra di Andy Warhol è favorevole agli OGM, ma auspica anche un’etichettatura trasparente

mostra Andy Warhol tomato rosso Campbell OGM
Campbell è favorevole all’indicazione chiara degli Ogm in etichetta

Campbell, l’azienda produttrice di minestre in lattina, diventata famosa in tutto il mondo grazie all’arte di Andy Warhol, ha preso posizione a favore dell’obbligo dell’indicazione in etichetta della presenza di Ogm nei prodotti alimentari. La società  ha deciso di ritirare il proprio appoggio a tutti gruppi che osteggiano questa proposta . Campbell chiede una norma di etichettatura unica, decisa a livello federale, e contesta la prospettiva di molteplici e differenti regole nei singoli Stati. Una norma unica dovrebbe regolamentare anche le dichiarazioni di assenza degli Ogm nei prodotti.

La presa di posizione di Campbell è stata assunta in vista dell’entrata in vigore, il 1° luglio, della legge del Vermont, che sarà il primo Stato in cui gli alimenti contenenti ingredienti geneticamente modificati, in quantità superiore allo 0,9% rispetto al peso, dovranno indicare sull’etichetta la presenza e non potranno definirsi “naturali”. Nel comunicato in cui annuncia la  nuova posizione, Campbell mostra anche come sarà l’etichetta dei prodotti in vendita nel Vermont e ribadisce di ritenere gli Ogm sicuri, positivi per l’agricoltura e nutrizionalmente uguali agli ingredienti tradizionali. L’etichetta preparata per il Vermont recita: “Parzialmente prodotto con ingegneria genetica. Per informazioni sugli ingredienti Ogm visita WhatsinMyFood.com”.

 

 

 

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

inquinamento acqua

Inquinamento: il 64% delle acque superficiali è contaminato da pesticidi e nel 21,3% dei casi si superano i limiti, con forte presenza del glifosato

Il 63,9% delle acque superficiali del nostro paese è contaminato da pesticidi (nel 2012 la ...

Un commento

  1. se mi è concesso, da quanto letto su siti internet americani, Campbell’s si è impegnata a concretizzare questo suo proposito entro 18 mesi ed è la prima compagnia americana, tra coloro che sono associate alla Grocery Manufacturers Association (GMA), ad abbandonare le armi sin qui usate contro le crescenti richieste del popolo dei consumatori per l’etichettatura dei cibi contenenti OGM. spero vivamente sia la prima di una rapida sequenza di altre “redenti”…