Home / Allerta / Botulino in bevande di acqua di cocco e tossine in cozze dalla Slovenia… Ritirati dal mercato europeo 41 prodotti

Botulino in bevande di acqua di cocco e tossine in cozze dalla Slovenia… Ritirati dal mercato europeo 41 prodotti

acqua-di-cocco-ritiro botulino
Sospetta presenza di botulino in due tipi di acqua di cocco

Nella settimana n°38 del 2016 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta europeo per alimenti e mangimi (Rasff) sono state 41 (3 quelle inviate dal Ministero della salute italiano).

L’elenco dei prodotti distribuiti in Italia oggetto di allerta comprende tre casi: frammenti di metallo in vari prodotti da forno italiani; presenza di acido okadaico e tossine (DSP – Diarrhetic Shellfish Poisoning) in mitili vivi (Mytilus galloprovincialis) dalla Slovenia; sospetta presenza di Clostridium botulinum (botulino) in due bevande analcoliche du acqua di cocco “King Coconut” e “100% Coconut Grove” nelle confezioni da litro, dell’azienda Sparkel Beverages, dalla Polonia.

mucca allevamento mangime
Salmonella in proteine animali trasformate destinate a mangime

Nella lista delle informative sui prodotti diffusi in Italia che non implicano un intervento urgente troviamo: livello di residui di medicinali veterinari (Sulfadimethoxine) superiori ai limiti (MRL) in interiora di maiale congelato (fegato, polmone e reni) da Italia, destinate a mangime; Salmonella in proteine animali trasformate provenienti dalla Polonia e destinate a mangime.

Questa settimana non ci sono ulteriori esportazioni italiane in altri Paesi che siano state ritirate dal mercato.

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Valeria Nardi

Valeria Nardi
Giornalista

Guarda qui

Formaldeide da tazze di plastica dalla Germania e fipronil in 11 lotti di uova… Ritirati dal mercato europeo 78 prodotti

Nella settimana n°35 del 2017 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta europeo per …