Home / Sicurezza Alimentare / Necessari nuovi studi sui potenziali rischi del colorante E171. Pubblicato il parere dell’Agenzia francese per la sicurezza sanitaria dell’alimentazione sul biossido di titanio

Necessari nuovi studi sui potenziali rischi del colorante E171. Pubblicato il parere dell’Agenzia francese per la sicurezza sanitaria dell’alimentazione sul biossido di titanio

L’Anses afferma che è necessario condurre nuovi studi sul colorante alimentare biossido di titanio

L’Agenzia francese per la sicurezza sanitaria dell’alimentazione (Anses) ha pubblicato il parere che le era stato richiesto dal governo di Parigi sulla sicurezza del biossido di titanio, un additivo noto come E171 e molto utilizzato nel settore alimentare, affermando che “è necessario condurre, secondo modalità e un calendario da definire, gli studi necessari per una perfetta caratterizzazione dei potenziali effetti sanitari legati all’ingestione” dell’E171.

Il parere dell’Anses era stato richiesto dai ministri dell’Economia, della Salute e dell’Agricoltura del governo francese, dopo che uno studio condotto su animali dall’Istituto nazionale francese per la ricerca agronomica (Inra), pubblicato in gennaio dalla rivista Scientific Reports, aveva mostrato che l’esposizione cronica al diossido di titanio, tramite la sua ingestione, “provoca stadi precoci di cancerogenesi”. Lo studio aveva riscontrato lesioni precancerose al colon nel 40% degli animali coinvolti nel test, dopo cento giorni. Tuttavia, aveva affermato l’Inra, allo stato attuale i risultati dello studio non sono direttamente applicabili all’uomo.

Non ci sono ancora abbastanza dati per invalidare il parare dell’Efsa sulla sicurezza del biossido di titanio

Il governo di Parigi voleva sapere dall’Anses se questo studio rimette in discussione le conclusioni dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), che nel settembre scorso aveva emesso un parere favorevole sull’additivo E171, non rilevando gli estremi per includerlo tra le sostanze pericolose per l’uomo, perché il suo assorbimento per via orale era stato ritenuto bassissimo. L’Anses afferma che se i risultati dello studio dell’Inra non consentono al momento di rimettere in discussione la valutazione dell’Efsa, tuttavia mettono in evidenza effetti che in precedenza non erano stati identificati, in particolare gli effetti di potenziale promozione della carcinogenesi.

L’additivo E171 è costituito da particelle di biossido di titanio, parzialmente sotto forma nanometrica, ed è un colorante molto usato per conferire opacità e colore bianco agli alimenti.

© Riproduzione riservata

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare.  Clicca qui

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Scandalo carni brasiliane: il Ministero della Salute interviene e rafforza i controlli, la Commissione europea esita

“Alla riunione di emergenza con gli Stati membri, il 27 marzo, – spiega l’avvocato Dario …

2 Commenti

  1. che mondo sarebbe senza cibi colorati? sarebbe tutto piu’ triste e ai bambini cosa raccontiamo?
    e poi il bianco poco candido?.
    ok aspettiamo questo ennesimo studio forse per il 2025 riusciremo ad eliminare un paio di coloranti io la vedo dura,se togliamo colore sale grassi e zuccheri i prodotti industriali messi a nudo rimarrebbero sugli scaffali.

  2. Anche se il commento di Rino è una provocazione sulle possibili conseguenze di scelte alimentari più salutari e sane, nel nocciolo della questione stanno le cattive abitudini che abbiamo assunto ed insegnato ai nostri bambini.
    Bianco ed artificialmente colorato come la carne rossa fuoco, il tonno super rosso, i salumi rosa e rosso vivo incarnato, ecc.. ma essendo tutti cibi morti, cotti e conservati, tutta questa vitalità e rossore non possono proprio più averla.
    Poi se smettiamo di mangiare e bere in eccesso, solo perché attratti dal cinema spettacolo artificiale delle preparazioni alimentari, ne guadagneremo in salute e benessere, spendendo in altre attività magari più sane della compensazione cibaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *