Home / Pianeta / Approvato il nuovo regolamento Ue sull’agricoltura biologica ma i giudizi del mondo agricolo italiano sono negativi

Approvato il nuovo regolamento Ue sull’agricoltura biologica ma i giudizi del mondo agricolo italiano sono negativi

coltivare agricoltura semi pianteIl Parlamento europeo ha approvato il nuovo regolamento europeo sull’agricoltura biologica, che dal 2021 sostituirà l’attuale quadro normativo datato 2007, quando era stato aggiornato il primo regolamento del 1991. Con 466 voti a favore, 124 voti contrari e 50 astensioni, il Parlamento europeo ha ratificato il testo su cui si era raggiunto un accordo di massima tra le tre istituzioni dell’Ue nel novembre scorso.

In base al nuovo regolamento, i controlli sui produttori avranno cadenza annuale e potranno diventare biennali se non si riscontreranno frodi per tre anni consecutivi. Al fine di ridurre i costi, i piccoli produttori potranno ottenere certificazioni di gruppo. Per quanto riguarda le importazioni da paesi extra Ue, si passerà dall’attuale principio di equivalenza, che richiede solo il rispetto di standard analoghi, alla necessità che le aziende esportatrici verso l’Ue si conformino alle norme comunitarie.

Le aziende miste, che producono sia alimenti convenzionali sia biologici, dovranno far sì che le due coltivazioni siano chiaramente ed effettivamente separate. Per evitare la contaminazione con i pesticidi, gli agricoltori saranno obbligati ad adottare misure precauzionali. In caso di sospetta presenza di un pesticida o di un fertilizzante non autorizzato, il prodotto finale non potrà adottare l’etichetta di biologico fino a un’ulteriore indagine. Se la contaminazione sarà deliberata o il coltivatore non avrà adottato precauzioni, l’azienda perderà la certificazione biologica.

Infine, ed è stato fino alla fine il punto di maggior polemica, il nuovo regolamento stabilisce che i Paesi come l’Italia, dove al momento si applicano soglie massime per le sostanze non autorizzate nei cibi biologici, come i pesticidi, potranno continuare a farlo, a condizione che permettano ai prodotti bio provenienti da altri paesi Ue di entrare nel loro mercato, se rispettano le regole dell’Unione.

Young man and his son on organic strawberry farm
I Paesi come l’Italia, che impongono soglie ai fitosanitari, saranno costretti ad accettare i prodotti bio importati che rispettano le regole dell’Ue

Quattro anni dopo l’entrata in vigore del nuovo regolamento, la Commissione Ue valuterà l’efficacia delle norme contro la contaminazione, le soglie nazionali e, se lo riterrà necessario, elaborerà un progetto di legge per armonizzarle.

Sul nuovo regolamento, il presidente di FederBio, Paolo Carnemolla, conferma il giudizio “nel complesso negativo” che aveva espresso al momento del compromesso raggiunto lo scorso novembre, pur riconoscendo “lo sforzo compiuto dalle diverse parti in causa per migliorare il testo iniziale della Commissione. Sono state tenute in considerazione alcune delle richieste dei produttori biologici, tra queste la possibilità della certificazione di gruppo per le piccole aziende agricole riunite in cooperative e organizzazioni locali, strumenti per garantire un quadro di controllo e di garanzie anche sui prodotti importati dai Paesi extra europei. Lo sviluppo del settore biologico deve ora diventare una priorità delle politiche europee e nazionali, a partire dalle programmazioni regionali dei Piani di sviluppo rurale agli acquisti verdi della pubblica amministrazione”.

Negativo anche il giudizio di Paolo De Castro, vicepresidente della Commissione agricoltura del Parlamento europeo, secondo il quale “l’esito dei negoziati per dare nuove regole alla produzione biologica in Europa rappresenta un’occasione persa. Per noi, tuttavia, la sfida di replicare o avvicinare il più possibile il sistema europeo al modello biologico di alta qualità e sostenibilità italiano resta aperta. Il punto cruciale negativo è aver eliminato completamente le soglie per i residui di fitofarmaci. Che differenza c’è con l’agricoltura convenzionale?”.

orto urbano
Il nuovo regolamento sul biologico è stato criticato da Federbio, Coldiretti, Cia e dal vicepresidente della Commissione agricoltura del Parlamento Ue

Anche Coldiretti sottolinea come il nuovo regolamento conceda agli Stati la “possibilità di mantenere in vigore soglie meno restrittive per i residui di fitofarmaci o di contaminazione da Ogm con un grave danno di immagine per il settore del bio soprattutto nei Paesi, come l’Italia, nei quali gli standard di produzione sono molto elevati. Inoltre, la possibilità di produrre biologico senza utilizzare il suolo contrasta totalmente con i principi fondamentali che caratterizzano questo metodo di produzione, che non può prescindere dalla terra. Al contrario, la previsione di una deroga consentirà ad alcuni Stati del nord Europa di continuare a produrre impiegando letti demarcati in serra per un periodo di 10 anni”.

Giudizio negativo anche da parte della Confederazione italiana agricoltori (Cia), perché le nuove regole “non sono assolutamente in linea con i livelli e gli standard di qualità che sono applicati da anni in Italia, che è al primo posto in Europa per produzione e al secondo per superficie coltivata a ‘bio’. Esprimiamo quindi tutta la nostra contrarietà”.

© Riproduzione riservata

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264
indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2018. Clicca qui

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

nada grocery muesli- © Amanda Palmer

Zero plastica e zero sprechi: si moltiplicano i negozi che rinunciano agli imballaggi plastici per gli alimenti (e non solo)

Mentre il mondo sembra finalmente accorgersi del fatto che un impiego planetario dissennato della plastica …

2 Commenti

  1. Se è vero che tutti i mali non vengono per nuocere e se ben gestita questa differente soglia di attenzione ai residui di fitofarmaci nei prodotti italiani, potrebbe diventare un incentivo all’acquisto delle nostre produzioni a scapito delle altre europee maggiormente permissive.
    Naturalmente dovrà essere comunicato al consumatore, che se ben informato s’indirizzerà preferibilmente verso alimenti bio made in Italy, con vantaggio della nostra intera filiera produttiva.
    Una particolare attenzione dovrà essere esercitata da parte degli enti certificatori, per quei prodotti trasformati in Italia ma con materie prime importate e possibilmente contaminate da residui ed OGM.
    In definitiva se ben controllate le materie prime bio importate, con analisi estese a tutti i lotti in entrata e un’adeguata comunicazione ai consumatori sulla maggior garanzia dei prodotti nostrani, il nuovo regolamento potrebbe operare a nostro vantaggio anche per le esportazioni.

  2. mi auguro che in italia si riesca a fare qualcosa di “personalizzato” del tipo ,… RESIDUI ZERO o , o , o
    in quanto la tendenza a non credere più a tali tipologie di prodotti è già alta …a questo punto penso proprio che aumenterà ancor di piu….e io saro’ tra i primi …
    dei prodotti che arrivano dall’estero già ci credevo molto poco , sopratutto nei prodotti Bio di provenienza cina (per anni è arrivano tanto riso come tanti legumi) ….