Home / Roberto La Pira

Roberto La Pira

Roberto La Pira
giornalista, tecnologo alimentare

Bambin Gesù, la notizia dell’eccesso di fruttosio nel cibo è sbagliata e viene ritirata. Nessuno si accorge degli errori grossolani

Il 14 febbraio 2017 l’Ospedale Bambin Gesù di Roma pubblica il resoconto di uno studio durato 4 anni sulla pericolosità del fruttosio nell’alimentazione dei bambini, con dati  che appaiono grossolanamente errati. La ricerca fa probabilmente confusione tra zucchero e fruttosio. La nota del Bambin Gesù evidenzia come l’abuso sistematico del fruttosio aggiunto ai cibi e alle bevande, ha gli stessi …

Continua »

Allerta alimentare: dal 1 gennaio 2017 il Ministero della salute doveva mettere in rete l’elenco dei prodotti richiamati, ma tutto tace

Il  Ministero della salute ha annunciato di voler pubblicare sul proprio sito, a partire dal 1 gennaio 2017, l’elenco dei prodotti ritirati dal mercato italiano. La notizia è sorprendente e arriva con qualche anno di ritardo rispetto a quanto avviene negli altri paesi europei. Il Fatto Alimentare, per sopperire a questa grave lacuna delle autorità sanitarie, pubblica ogni settimana l’elenco …

Continua »

La pasta italiana non scuoce mai perché è “precotta” a 115-120°C. In questo modo cambia colore e perde sapore

Il segreto della pasta italiana? Essiccare gli spaghetti a 115-120°C, miscelando grano duro nazionale con quello tenace e ricco di proteine francese, canadese e australiano. Sulle etichette però non c’è scritto nulla di tutto ciò. I grandi marchi del settore, appellandosi al segreto industriale e ad altri cavilli, non indicano il trattamento ad altissime temperature necessario per ottenere una pasta …

Continua »

Pangasio: anche Carrefour decide di non vendere il pesce che viene dal Vietnam. Cattiva reputazione per un prodotto nutrizionalmente povero ma sicuro

pesce bambina

Sì è vero, la catena di supermercati Carrefour ha deciso di non tenere più in assortimento le confezioni di pangasio. La decisione non è una novità, visto che altre catene come Coop lo hanno tolto da tempo, mentre Esselunga non lo ha mai proposto nei punti vendita. Il pesce venduto nei reparti pescheria e nell’area dei surgelati Carrefour (anche se …

Continua »

USA: olio d’oliva “imported from Italy” ha i giorni contati. L’indicazione è ingannevole. Filippo Berio patteggia. Controlli speciali nel 2017 e altre sorprese in vista

Sarà una pura coincidenza, ma l’effetto Trump ha colpito anche l’extravergine italiano che non potrà più riportare sull’etichetta la frase “imported from Italy”. Il motivo è banale: le bottiglie contengono nella maggior parte dei casi miscele di olio proveniente da: Italia, Spagna, Grecia e altre aree del Mediterraneo e quella frase inganna i consumatori. Per anni le nostre aziende hanno …

Continua »

Richiamo prodotti alimentari: dov’è la pagina web del Ministero della salute che doveva essere online dal 1 gennaio?

Aggiornamento del 27 gennaio 2017 Il giorno dopo la pubblicazione del nostro articolo, la pagina del sito del Ministero dedicata al ritiro dei prodotti alimentari ha pubblicato la notizia di un richiamo La notizia che il Ministero della salute avrebbe inaugurato il 1 gennaio 2017 una nuova pagina web dedicata al richiamo dei prodotti alimentari pericolosi per la salute, era …

Continua »

Il video dei gamberetti gonfiati è virale. La sostanza aggiunta è probabilmente un additivo autorizzato dall’UE, ma non per frodare i consumatori

Da qualche mese gira in rete un video che mostra delle lavoratrici asiatiche mentre iniettano una sostanza gelatinosa nei gamberi, utilizzando siringhe e modalità poco rispettose delle “buone prassi igieniche”. Questa procedura non è ammessa dalla normativa europea, se l’aggiunta della sostanza  gelatinosa serve per gonfiare i gamberi,  migliorare l’aspetto e aumentare in modo artificiale il peso. In attesa di …

Continua »

Sostieni Il Fatto Alimentare, il sito libero che ti informa veramente

Il Fatto Alimentare è un quotidiano on line di giornalisti indipendenti con accesso completamente gratuito, che non riceve finanziamenti pubblici. Pubblichiamo ogni anno 1000 articoli e inchieste che sono visti da 6,8 milioni di persone. La newsletter viene spedita gratuitamente tre volte alla settimana a oltre 80 mila persone. I banner pubblicitari non sono sufficienti a coprire le spese, anche …

Continua »

Salviamo il panettone dalle creme farcite, dalla farina di mais e di riso, dal mascarpone, dal marketing e dall’Aidepi che ha permesso lo stravolgimento della ricetta tradizionale

Salviamo il panettone! È quanto viene voglia di urlare in questi giorni mentre si fa la spesa al supermercato e camminando tra scaffali spuntano dolci di Natale di ogni tipo. Li trovi all’ingresso, a fianco della frutta, nell’area dei biscotti o abbinati agli spumanti. In questo ‘mare magnum’ di marche e confezioni sfavillanti diventa difficile individuare il panettone o il …

Continua »

Coca-Cola: basta pubblicità che associa mamme, bambini e il consumo durante i pasti. L’elenco delle censure accumulate dalla multinazionale

Gli spot Coca-Cola continuano ad affiancare la bibita ai bambini di 5-6 anni seduti a tavola mentre mangiano un piatto di pasta. Nello spot andato in onda nel mese di ottobre/novembre 2016 si vede una mamma con la bottiglia di Coca-Cola a fianco mentre prepara la pasta. Nella scena successiva la madre appoggia il piatto di tagliatelle ancora fumante su …

Continua »

Franco Berrino: “La farina bianca è tossica”. Replica Vittorio Krogh dell’Istituto Nazionale dei Tumori “Non è vero”

farina mattarello

L’epidemiologo Franco Berrino intervistato nel servizio “Farina “veleno” bianco” del programma “Piatti chiari” del 4 novembre 2016 dalla tv svizzera italiana, ha accusato la farina bianca di essere nociva e di favorire diverse patologie come il diabete e persino tumori. La cosa desta una certa perplessità, perché la farina bianca viene assunta ogni giorno da milioni di italiani quando mangiano: pane, brioche, biscotti, pizze, …

Continua »

Giovanni Floris e la paranoia dei batteri: allarmismo gratuito nel programma DiMartedì su La7. Ignorata la valutazione del rischio

Giovanni Floris forse non sa che il mondo è pieno di batteri e che senza di loro non esisterebbe vita sulla terra. Difficile dire quanti siano: una stima approssimativa non esiste, anche se il corpo umano ne ospita qualche chilo! Tradotto in cifre, si tratta di un numero senza virgole composto da almeno 15 zeri. Quando Giovanni Floris e suoi …

Continua »

Terremoto nelle Marche: a Muccia il presidio veterinario e sicurezza alimentare

A seguito dei recenti gravi eventi sismici è stato istituito a Muccia (MC) in zona la Maddalena, il presidio area veterinaria e sicurezza alimentare della Regione Marche. Il presidio è finalizzato ai soccorsi per soddisfare i bisogni di assistenza zooiatrica, trasporto di animali in difficoltà, smaltimento delle carcasse di animali, supporto tecnico operativo per le imprese alimentari che devono gestire …

Continua »

“Falce e Carrello”: la Coop dopo la nuova sentenza della Cassazione sul libro di Esselunga disposta a chiudere il confronto nelle aule giudiziarie

La Coop  dopo la sentenza della Corte di Cassazione sul libro “Falce e carrello” che “pur tardivamente, ristabilisce la verità dei fatti, rimandando quindi alla Corte d’Appello di Milano per il giudizio finale”, tende la mano a Esselunga e chiede che “le due aziende riprendano una competizione che abbia come luogo di confronto il mercato, secondo le sue regole, e …

Continua »

Olio di palma ecco cosa scrive l’Istituto Superiore di Sanità: Il consumo va ridotto soprattutto nei bambini (3 – 10 anni) e negli adulti con fattori di rischio cardiovascolare”

Quanti giornalisti prima di scrivere l’articolo che riabilita l’olio di palma come dice Ferrero, hanno letto il parere dell’Istituto superiore di sanità del marzo 2016? Pochi. Basta leggere questo estratto (vedi foto in alto) firmato dal ricercatore che ha stilato il report e pubblicato sulla news letter dell’Istituto per rendersi conto che  il tono di assoluzione verso l’olio tropicale è …

Continua »