Home / Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Sicurezza alimentare e comunicazione del rischio: il Ministero della salute vuole fare di meglio. Obiettivi e impegni destinati a rimanere sulla carta?

Capita di frequente che il rischio percepito dai consumatori nell’ambito alimentare non corrisponda al rischio sanitario reale. Questa percezione sbagliata genera sfiducia e porta anche a sottovalutare i rischi reali legati alla sicurezza alimentare. La maggioranza delle persone ad esempio si preoccupa dei contaminanti chimici presenti nel cibo come la diossina, ma tende a sottovalutare i rischi microbiologici causati da …

Continua »

Amazon ha venduto per sei mesi del burro di soia richiamato. Quale attenzione dell’e-commerce verso la sicurezza alimentare?

Amazon.com ha continuato a vendere un prodotto alimentare ritirato dagli scaffali dei supermercati americani per sei mesi dopo la data del provvedimento. La notizia è riportata da Food Safety News. Al centro delle polemiche c’è il burro di soia, un sostituto del burro di arachidi, a marchio I.M. Healthy prodotto da Dixie Dew Products Inc. I Centers for Disease Control …

Continua »

Bambini: le caramelle dure di forma sferica possono causare soffocamento anche dopo i 5 anni. Attenzione alle dimensioni. Il documento del BfR tedesco

Le caramelle dure sferiche possono causare il soffocamento dei bambini dai 5 anni in su. È l’Istituto federale tedesco per la valutazione del rischio ad affermarlo in un’opinione recentemente pubblicata. Una prima valutazione era stata effettuata nel 2010, in seguito ad alcuni casi di soffocamento che si erano verificati negli Stati Uniti. Sotto accusa erano finite proprio le caramelle dure di …

Continua »

Sacchetti per ortofrutta: dal 1° gennaio 2018 saranno biodegradabili e compostabili, ma a pagamento! Approvata la legge alla Camera

Dal 1° gennaio 2018 anche i sacchetti per ortofrutta dovranno essere biodegradabili e compostabili, lo annuncia un comunicato di Assobioplastiche, commentando l’approvazione alla Camera della legge di conversione del decreto legge Mezzogiorno, che definisce i nuovi requisiti per tutte le buste con spessore inferiore ai 15 micron (micrometri). La legge conferma anche le regole per gli shopper monouso biodegradabili per …

Continua »

Pastori migranti: in alcune aree il 70% dei lavoratori negli allevamenti è straniero. In Abruzzo sono il 90%. La produzione di Parmigiano Reggiano dipende anche dai Sikh

Spesso dimentichiamo qual è il ruolo dei lavoratori stranieri nel mantenere vitali alcuni settori produttivi italiani che, senza il loro contributo, entrerebbero in forte crisi o addirittura morirebbero. Se la presenza – e lo sfruttamento – dei migranti nei campi di pomodori e negli aranceti del Sud (Il Fatto Alimentare ne ha parlato ad esempio qui e qui)  è un fatto …

Continua »

Marchio Dop per la Mozzarella di Gioia del Colle, parere favorevole del Ministero. Parte la protezione provvisoria, ma la Campania è pronta a dare battaglia

Il Ministero delle politiche agricole ha dato parere favorevole alla denominazione di origine protetta alla “Mozzarella di Gioia del Colle”, un prodotto tipico delle Murge baresi e tarantine, proposta dall’Associazione “Treccia della Murgia”. La proposta di riconoscimento è stata pubblicata sulla Gazzetta ufficiale ed entra così in regime di protezione provvisoria. Se la mozzarella di Gioia del Colle ottenesse il …

Continua »

Sacchetti biodegradabili: qualità differenti, ma stesso prezzo per il consumatore. Tutti i fattori che influenzano resistenza e durata delle buste della spesa

I sacchetti biodegradabili che si acquistano alle casse dei supermercati per insacchettare i prodotti sono un incubo per molti consumatori, che li considerano fragili e poco resistenti. Per questo motivo la stragrande maggioranza delle persone, secondo un sondaggio commissionato da Novamont, sceglie borse riutilizzabili in plastica o tessuto. Ai consumatori non piace l’idea di pagare da 10 centesimi per uno …

Continua »

Anisakis: il rischio nascosto nel pesce crudo di sushi, sashimi e piatti marinati. Il Centro di referenza nazionale di Palermo spiega cosa fare per evitare incidenti in cucina e mangiare serenamente

donna pesce

Mano a mano che si afferma l’abitudine di mangiare sushi, sashimi e altri piatti a base di pesce crudo o poco cotto, aumentano anche i rischi associati alla presenza del parassita Anisakis. Per questo motivo, il Centro di referenza nazionale per le anisakiasi (Crena) dell’Istituto zooprofilattico sperimentale della Sicilia ha pubblicato un documento su come affrontare il problema in cucina …

Continua »

Botulismo: alimenti a rischio, prevenzione e contromisure. Tutte le indicazioni del Ministero su cosa fare di fronte a casi sospetti

Dopo i recenti casi di botulismo, che hanno conquistato le prime pagine dei giornali (Il Fatto Alimentare ne ha parlato qui e qui), il Ministero della salute ha pubblicato un documento a cura della Direzione generale per l’igiene, la sicurezza alimentare e la nutrizione su cosa fare quando si verifica un caso sospetto. Il documento, oltre alle indicazioni per gli …

Continua »

Milano: la raccolta dell’olio di frittura funziona in 25 supermercati. In alcuni si recuperano anche piccoli elettrodomestici e apparecchiature elettroniche

Il  problema di come smaltire correttamente piccoli elettrodomestici e olio di frittura utilizzato in cucina è molto diffuso tra le famiglie. Non tutti sanno dove gettare lo sbattitore elettrico che non funziona o l’olio di frittura delle patatine. La catena di supermercati Coop per venire incontro alle esigenze dei consumatori ha avviato un progetto sperimentale a Milano. In prossimità dell’entrata …

Continua »

Bevande light: si accumulano gli studi sui possibili rischi, ma le prove sono lontane dall’essere definitive. Servono studi più rigorosi

Negli ultimi anni si è accumulato un certo numero di studi che indicano come le bevande gassate ‘light’ o ‘zero’ non siano migliori per la salute rispetto alle versioni iperzuccherate. Il Fatto Alimentare ne ha già parlato diffusamente. Recentemente, un articolo di Consumer Reports ha ripercorso la storia di tutto quello che sappiamo (e quello che non sappiamo) degli effetti …

Continua »

Fattorie verticali: coltivare insalata in capannoni senza terra e senza sole, per risparmiare risorse. L’esempio di AeroFarms negli USA

Fattorie verticali dove su scaffali multipiano senza terra e senza sole si coltiva lattuga e spinaci. Non è  la visione futuristica di qualche sognatore, ma una realtà per la cittadina di Newark, nel New Jersey (USA), dove si trovano le prime due fattorie verticali in una ex-acciaieria (Il Fatto Alimentare ne ha parlato anche qui) e in una vecchia arena …

Continua »

Il ritorno delle macine a pietra per produrre la “vera” farina integrale. Pregi e difetti di un sistema di molitura antico riportato nell’era moderna

Capita sempre più spesso di leggere sulle etichette di prodotti da forno e di biscotti  la dicitura ‘macinazione a pietra’. Anche sugli scaffali dei supermercati ci sono pacchi di farina dove viene evidenziato il vecchio sistema di lavorazione con le macine. Si parla di ‘pietra’ anche su alcune confezioni di pasta proposte da grandi marchi. Quando si legge la frase …

Continua »

Crostacei vivi in ghiaccio e chele legate: la Cassazione conferma la condanna a un ristoratore. Ma rimane il vuoto normativo

A gennaio di quest’anno è rimbalzata la notizia della decisione della Corte di Cassazione che confermava la condanna per maltrattamento di animali (1) nei confronti di un ristoratore fiorentino, reo di aver ripetutamente conservato crostacei vivi, in attesa di essere cucinati, in una cella frigorifera e con le chele legate. Oggi la storia torna di attualità con la pubblicazione delle motivazioni …

Continua »

Dieta mediterranea: quanto è veramente seguita dagli italiani. Fai anche tu la prova con il questionario del Crea, bastano cinque minuti

Si sente spesso dire che la dieta mediterranea è una delle migliori del mondo per vivere in salute. Nonostante ciò gli italiani, anche se sono convinti di mangiare ogni giorno “100% mediterraneo”, la seguono sempre meno. Per aumentare la consapevolezza dei piccoli e grandi errori che ci allontanano ogni giorno dal modello alimentare mediterraneo, il gruppo di Stefania Ruggeri, ricercatrice …

Continua »