Home / Dario Dongo

Dario Dongo

Dario Dongo
Avvocato, giornalista. Twitter: @ItalyFoodTrade

Burger vegetali: l’etichetta senza lo stabilimento di produzione è corretta? L’avvocato Dario Dongo risponde

Alga Gurme burger vegetali classici 2018

Buongiorno, ho acquistato presso un punto vendita Ipercoop una confezione di Burger vegetali classici della marca “Alga Gurme”. Ho riscontrato che sulla confezione non è indicato da nessuna parte lo stabilimento di produzione.Sull’etichetta è riportata solo la dicitura “Prodotto in Italia – Distribuito da Bottega Vegetale SRL” (vedi foto sotto). È normale? In altri alimenti simili  ho sempre trovato entrambe …

Continua »

Indicazione di origine, l’avvocato Dario Dongo spiega il pasticcio del nuovo regolamento europeo sulle etichette

La Commissione europea ha finalmente pubblicato lo schema di regolamento di attuazione del “Food Information Regulation” che riguarda l’indicazione in etichetta dell’origine o provenienza dell’ingrediente primario (>50%), laddove diversa dal “Made in …” dichiarato. (1) Proviamo a fare un po’ di chiarezza. Il regolamento UE 1169/11 (vedi l’ebook “L’etichetta“) ha introdotto l’obbligo di indicare l’origine o provenienza dell’ingrediente primario, quando …

Continua »

La dicitura “senza glutine” fuori legge e ingannevole? No, aiuta i celiaci. L’opinione di una lettrice e la risposta di Dario Dongo

Dopo la pubblicazione dell’articolo “La scritta senza glutine sull’etichetta di molti alimenti è fuori legge e ingannevole. Lo spiega l’avvocato Dario Dongo”, abbiamo ricevuto diverse lettere e numerosi commenti da parte di persone celiache che sollevano critiche alle tesi sostenute nel pezzo. Riportiamo di seguito una delle lettere ricevute. Una pubblicazione simile non può che provenire da una persona che …

Continua »

La scritta senza glutine sull’etichetta di molti alimenti è fuori legge e ingannevole. Lo spiega l’avvocato Dario Dongo

Proponiamo un estratto dell’articolo “Senza Glutine? Senza esagerare” di Dario Dongo, esperto di diritto alimentare, pubblicato sul sito Gift (Great Italian Food Trade) che spiega perché su molte confezioni viene proposta in modo scorretto questa dicitura. “Senza glutine” è un leitmotiv che compare ormai sulle etichette di molti cibi e persino sulle  bevande, al di là delle logiche che in origine …

Continua »

L’origine degli alimenti: su quali prodotti è obbligatorio indicarla in etichetta? I singoli casi spiegati dall’avvocato Dario Dongo

Lo scorso 20 luglio il ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina e quello dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, hanno firmato un decreto che prevede l’obbligo di indicare l’origine del grano duro sull’etichetta della pasta. Il provvedimento, applicato anche al riso, , avrà una durata sperimentale di due anni e le aziende dovranno adeguare le confezioni entro 180 giorni. La sua …

Continua »

Chinotto e cedrata: un terzo di quelle vendute al supermercato non contengono agrumi, ma solo zucchero, acqua e aromi. La denuncia di Great Italian Food Trade

Chinotto e cedrata sono forse le bibite più radicate nella tradizione italiana ma anche quelle che destano più perplessità per quanto riguarda la composizione e le etichette. Per valutare meglio la situazione abbiamo esaminato 18 prodotti riscontrando diverse anomalie. Il chinotto è un agrume, Citrus x myrtifolia, il cui sapore vagamente richiama l’arancio amaro. Probabilmente è una pianta di antica …

Continua »

No ai nomi dei formaggi per i prodotti vegetariani e vegani, lo conferma la Corte di Giustizia UE. Si riapre il dibattito anche su burger e würstel vegetali. L’intervento dell’avvocato Dario Dongo

La recente sentenza della Corte di Giustizia UE – che ha confermato il divieto di evocare i nomi dei prodotti lattiero-caseari su alimenti a base vegetale (il cosiddetto ‘cheese sounding’) – ha suscitato reazioni varie, nella politica e nell’opinione pubblica. Proviamo a fare il punto della situazione. ‘Cheese sounding’. I giudici di Lussemburgo hanno chiarito in via definitiva che non è possibile …

Continua »

Doppia etichettatura sui grissini: cosa scrivere sulla confezione per venderla anche all’estero? Risponde l’avvocato Dario Dongo

La nostra azienda dovrebbe esportare dei prodotti alimentari (grissini) in America e ci chiedevamo se fosse possibile applicare alla confezione una doppia etichettatura, quindi sia italiana (UE) che americana. È prevista questa “formula” per l’etichettatura UE? E per quella Americana? Possiamo applicare una doppia tabella nutrizionale sulla stessa etichetta del prodotto? Dina Risponde l’avvocato Dario Dongo, esperto di diritto alimentare. …

Continua »

Origine delle carni rosse nei menu dei ristoranti. La proposta di decreto legge del Consorzio Italia Zootecnica. Il commento dell’avvocato Dario Dongo

L’origine delle carni usate come ingredienti in ristoranti, trattorie, fast-food e pubblici esercizi in generale rimane un grande enigma. Gli Stati generali della filiera zootecnica del bovino da carne hanno proposto  un decreto-legge in cui si chiede la trasparenza sui menu. Il punto di partenza è il primato italiano – senza eguali nel mondo – nella gestione di archivi digitali …

Continua »

Etichette a semaforo: gli obiettivi e l’utilità del sistema dei traffic lights spiegati dall’avvocato Dario Dongo

Negli ultimi mesi il tema dei semafori in etichetta è tornato alla ribalta sulle cronache nazionali, con la posizione contraria espressa dal ministro per l’agricoltura Maurizio Martina, affiancato dall’insolita coalizione fra Coldiretti e Federalimentare. La retorica esula tuttavia dalla realtà dei fatti e dai presupposti giuridici (leggi articolo). Proviamo a fare un po’ di chiarezza su un tema liquidato con …

Continua »

Allevamento online. Zootecnia italiana 4.0, il progetto integrato sulla salute degli animali di allevamento

Proponiamo questo articolo sull’allevamento degli animali pubblicato su Gift (Great Italian Food Trade). Zootecnia italiana 4.0, di questo di parlerà alla prossima tavola rotonda “Zootecnia informatizzata per allevare in salute, dal Modello 4 alla ricetta elettronica. Una cartella clinica europea?” Gli Stati generali di allevamento e sanità animale si incontrano il 26 maggio 2017 a Padova*, per tracciare le linee …

Continua »

È obbligatorio riportare la dichiarazione nutrizionale nell’etichetta del pane? Risponde l’avvocato Dario Dongo

Sono una tecnologa alimentare, mi servirebbe un’informazione circa l’etichetta del pane, è d’obbligo la tabella con la dichiarazione nutrizionale? Maria Risponde l’avvocato Dario Dongo, esperto di diritto alimentare. Il regolamento UE 1169/11 ha introdotto l’obbligo di riportare la dichiarazione nutrizionale in etichetta della quasi totalità dei prodotti alimentari preimballati (leggi approfondimento). Il pane in quanto tale é quindi soggetto alla tabella …

Continua »

Origine del latte: l’avvocato Dario Dongo spiega perché la mozzarella fatta con le cagliate importate non sarà riconoscibile dall’etichetta

Il 19 aprile 2017 è finalmente entrato in vigore il decreto sull’origine latte. Dopo la pubblicazione c’è stato un ping-pong di circolari fra due ministeri Politiche agricole e Sviluppo economico. Alla fine è  rimasta irrisolta la questione delle “cagliate”  importate e utilizzate da molti caseifici per fare la mozzarella, che non dovranno essere dichiarate in etichetta. La normativa (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del …

Continua »

Sarà obbligatoria in etichetta l’origine del riso Made in Italy? L’avvocato Dario Dongo introduce il decreto annunciato dal ministro Maurizio Martina

L’origine del riso “Made in Italy” sarà oggetto di indicazione obbligatoria in etichetta, promette il ministro Maurizio Martina, a esito di una riunione del tavolo di filiera per certi versi drammatica, con gli agricoltori in piazza per chiedere aiuto su una crisi di settore senza precedenti. Serviranno nuove etichette, ma anche argini alle importazioni a dazio zero. L’Italia é il primo produttore …

Continua »

Odori molesti: adesso sono reato. La lite condominiale che potrebbe rivoluzionare i rapporti tra inquilini e ristoratori

Gli odori di cucina molesti costituiscono reato, secondo la Corte di Cassazione. Il caso giurisprudenziale può innescare nuovi procedimenti, che gli operatori della ristorazione collettiva, “fast food” e “take away” faranno bene a considerare in via preventiva. Il giudizio è nato da una storia che pare quasi una barzelletta. Un condomino che vive al terzo piano di una casa a Monfalcone, …

Continua »