Home / Clara Gasparri

Clara Gasparri

Residui di pesticidi negli alimenti. Secondo i dati più recenti raccolti dall’Efsa il rischio per i consumatori è ancora basso

pesticidi

Gli alimenti consumati nell’Unione europea continuano a essere in gran parte privi di residui di pesticidi, oppure ne contengono quantità che rientrano nei limiti di legge. Questo è quanto emerge dall’ultimo rapporto pubblicato dall’Efsa, relativo al 2015. Dai risultati emerge che il 97,2% dei campioni analizzati rientra nei limiti consentiti dalla normativa UE, il 53,3% è privo di residui quantificabili, …

Continua »

Aspettare 25 secondi la consegna di uno snack da un distributore automatico lo rende meno invitante. I risultati di un’interessante ricerca dell’Università di Chicago

Secondo un recente studio finanziato dal National Institutes of Health, ritardare l’accesso al cibo caratterizzato da un elevato contenuto calorico nei distributori automatici, può aiutare a fare scelte più sane. Gli esperti di medicina preventiva della Rush University Medical Center di Chicago hanno provato a vedere se un ritardo di 25 secondi nella consegna dello snack “poco sano” selezionato da …

Continua »

“Bioimis” promette un programma di dimagrimento rapido e definitivo, ma il messaggio è ingannevole

Il Presidente del Comitato di Controllo dello IAP ha ritenuto ingannevole la pubblicità apparsa su Starbene di novembre 2016 relativa al programma alimentare “Bioimis”. La dicitura “Non contare le calorie, conta i kg che perdi. Dimagrisci in modo sano con il programma alimentare Bioimis”, risulterebbe manifestamente contraria al Codice di Autodisciplina. Il messaggio è volto a promuovere un piano alimentare …

Continua »

“Le noci per la ricerca” dell’azienda Life per Fondazione Umberto Veronesi: censurato il messaggio ingannevole

Il messaggio pubblicitario “Lo sai che una porzione di noci contribuisce a ridurre il rischio di tumori?” promosso da LIFE (azienda specializzata nella distribuzione di frutta secca) e dalla Fondazione Umberto Veronesi è ingannevole. La decisione è stata presa dal Giurì dell’Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria e la pubblicità in questione è apparsa sulla rivista Starbene n.51 del mese di dicembre 2016, …

Continua »