Home / Sicurezza Alimentare (pagina 5)

Sicurezza Alimentare

categoria sicurezza alimentare

Nitriti e salumi. La TV francese denuncia la presenza di nitriti nei salumi solo per ragioni commerciali. Ma le cose stanno davvero così?

Lo scorso settembre, il programma televisivo francese Cash Investigation (1) in onda su France 2 – una sorta di Report d’oltralpe – ha trasmesso una lunga inchiesta sull’uso di nitriti (E249-E250) e nitrati (E251-E252) nella produzione del prosciutto cotto. Secondo gli autori del programma l’industria alimentare continua a usare questi additivi perché sono in grado di mantenere il colore rosato che …

Continua »
inquinamento acqua

Inquinamento dell’acqua in Veneto causato da Pfas: assenza di controlli, analisi malfatte e interferenti endocrini a “piede libero”

L’inquinamento dell’acqua provocato da sostanze perfluoroalchiliche (Pfas) in tre province venete si è esteso alla catena alimentare. Si ipotizza che la vicenda possa avere ripercussioni a livello nazionale e oltreconfine, a causa della vendita di prodotti alimentari provenienti da animali che vivono in una sessantina di allevamenti situati nelle zone del vicentino, oltre a quelle intorno a Verona e Padova. …

Continua »

Macellazione a domicilio: perché dovrebbe essere obbligatoria la visita del veterinario ante morte? L’avv. Dario Dongo risponde all’assessore della Valle d’Aosta

In seguito alla lettera dell’assessore alla sanità della Regione Valle d’Aosta – pubblicata su Il Fatto Alimentare – sul tema della macellazione a domicilio, risponde l’avvocato Dario Dongo. Il mio articolo “Valle d’Aosta, macellazione a domicilio senza ispezione veterinaria?” mira a offrire un contributo tecnico-giuridico su una normativa che rimane controversa, senza voler mancare di rispetto alla Regione Valle d’Aosta …

Continua »

Terremoto nelle Marche: a Muccia il presidio veterinario e sicurezza alimentare

A seguito dei recenti gravi eventi sismici è stato istituito a Muccia (MC) in zona la Maddalena, il presidio area veterinaria e sicurezza alimentare della Regione Marche. Il presidio è finalizzato ai soccorsi per soddisfare i bisogni di assistenza zooiatrica, trasporto di animali in difficoltà, smaltimento delle carcasse di animali, supporto tecnico operativo per le imprese alimentari che devono gestire …

Continua »
frutta verdura cornucopia abbondanza

Residui di pesticidi negli alimenti UE: l’Efsa individua un peggioramento, ma senza pericolo per la salute. In Italia irregolari solo lo 0.3% dei campioni

L’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) ha pubblicato la relazione annuale sui residui di pesticidi negli alimenti rilevati nel 2014: analizza i risultati di quasi 82.649 campioni di alimenti provenienti da 28 pasi dell’Unione europea più Islanda e Norvegia, in relazione a 778 pesticidi. I risultati indicano un lieve peggioramento rispetto all’anno precedente. Il 3% (2,6% nel 2013) dei …

Continua »

Giornalismo e lobby: il parere di Ferrero sull’olio di palma diventa verità scientifica! Ma c’è il conflitto di interessi degli scienziati. Silenzio assordante delle istituzioni

Che tristezza leggere le cronache del convegno organizzato da Ferrero sull’olio di palma. Pagine intere sui maggiori quotidiani nazionali, decine di servizi tv e radio e un numero spropositato di articoli in rete sui vari siti. Certo la notizia non si  poteva ignorare, la Nutella è un marchio nazionale e Ferrero è un’azienda di successo internazionale, con una politica molto …

Continua »

Macellazione a domicilio: replica dell’assessore alla sanità della Valle d’Aosta sulle ispezioni veterinarie e la sicurezza alimentare

Dopo la pubblicazione dell’articolo sulle nuove norme in materia di macellazione a domicilio in Valle d’Aosta con il parere dell’avvocato Dario Dongo, abbiamo ricevuto la seguente lettera da parte dell’assessore alla sanità della Regione Autonoma. Le scriviamo in merito all’articolo apparso sul numero della newsletter del 19 ottobre 2016 de “Il Fatto Alimentare” dal titolo “Valle d’Aosta, macellazione a domicilio senza ispezione veterinaria? …

Continua »

Latte in polvere per neonati: la Svizzera chiede alle industrie di sostituire l’olio di palma e gli altri grassi contenenti sostanze nocive e cancerogene. Appello ai genitori

L’Ufficio federale svizzero della sicurezza alimentare e di veterinaria (Usav) ha diffuso un comunicato destinato ai genitori di bambini che assumono latte in polvere, per dire che nel paese sono in vendita prodotti con contaminanti chimici in quantità superiore a quanto previsto dall’Efsa. Il riferimento è al glicidolo, ai glicidil esteri degli acidi grassi (GE), al 3-monocloropropandiolo (3-MCPD) e al …

Continua »

L’Italia abbandona l’olio di palma e si candida a diventare il primo paese senza grasso tropicale. Nutella e Kinder però non cambiano ricetta

La recente notizia che Coop in cinque mesi ha cambiato le ricette di oltre 100 prodotti a marchio è un chiaro segnale di come si sta muovendo il mercato italiano. La decisione si somma alle scelte di Esselunga, che ha modificato da tempo buona parte dell’assortimento. Ci sono poi catene come: Carrefour, Unes, U2, Iper e Pam e decine di …

Continua »

Latte in polvere per neonati: troppi contaminanti cancerogeni. La denuncia della trasmissione svizzera À Bon Entendeur. Firma la petizione

La trasmissione televisiva svizzera À Bon Entendeur ha fatto analizzare alcuni prodotti, alla ricerca dei contaminati cancerogeni 3-MCPD ed esteri di glicidolo (GE), che si formano durante la raffinazione di tutti gli oli vegetali, ma in quantità maggiori nell’olio di palma. In assenza i disposizioni legislative ad hoc, l’Autorità per la sicurezza alimentare europea (Efsa) ha proposto per il 3-MCPD un livello tollerabile …

Continua »

L’olio di palma fa male alla salute: contiene 4.000 volte più glicidolo (sostanza genotossica) dell’olio di oliva. I dati EFSA preoccupano. Il parere dell’esperta Chiara Manzi

L’olio di palma fa male alla salute: al contrario di quanto sostenuto recentemente da Nicola Porro sul Giornale.it. Questo perché contiene il glicidolo esterificato, sostanza considerata cancerogena. Ne contiene quantità sei volte superiori all’olio di mais e 19 volte superiori rispetto alle miscele di oli vegetali per friggere: 4000 volte di più dell’olio di oliva. I dati dell’Agenzia Europea per la …

Continua »

Valle d’Aosta, macellazione a domicilio senza ispezione veterinaria? Il parere dell’avvocato Dario Dongo

Un viaggio a ritroso nel tempo è quello proposto dalla Regione Valle D’Aosta nell’estate 2016 ai propri operatori della filiera delle carni: d’ora in poi potrebbero ricorrere alla macellazione a domicilio, proprio come i loro bisnonni. Nella legge della Valle D’Aosta 2 agosto 2016 n. 16 (3), dedicata al bilancio pubblico regionale, spuntano infatti a sorpresa un paio di articoli …

Continua »

Boom di casi di sindrome sgombroide a Milano dopo avere mangiato pesce conservato male al ristorante. Come ci si difende dal “mal di sushi”

“Mal di sushi”. Con questo nome esotico a Milano è balzata agli onori della cronaca la sindrome sgombroide, un’intossicazione alimentare dovuta alla cattiva conservazione di alcuni tipi di pesce. L’allarme è scattato nel capoluogo lombardo dove i casi sono in costante aumento. Nel 2015, un anno da record, ne erano state colpite 47 persone, ma il primato è destinato a cadere …

Continua »

Alimentazione dei bambini da zero a tre anni: rischi molto limitati, in regola oltre il 90% dei prodotti. I risultati di uno studio francese durato 6 anni

L’Anses, agenzia francese per la sicurezza alimentare, l’ambiente e il lavoro, ha pubblicato i risultati di un’indagine sull’alimentazione dei bambini fino a tre anni di età. Lo studio sull’alimentazione infantile (EATi) è durato sei anni e ha analizzato il 97% dei prodotti che rientrano nei regimi alimentari dei piccoli d’oltralpe. I ricercatori hanno acquistato poco meno di 5.500 referenze e eseguito 457 …

Continua »

Scongelamento: come farlo nel modo migliore? Secondo uno studio svedese può essere fatto in fretta sotto l’acqua

Una volta estratti dal freezer, i cibi vanno scongelati il più velocemente possibile, come ben sa l’industria alimentare, mentre la maggior parte delle persone sembra non esserne consapevole. Lo sostiene uno studio svedese condotto dalla Food and Bioscience Unit del SP Technical Research Institute di Göteborg, di cui riferisce Science Nordic. I ricercatori svedesi contestano la convinzione secondo cui gli alimenti andrebbero …

Continua »