Home / Sicurezza Alimentare (pagina 20)

Sicurezza Alimentare

categoria sicurezza alimentare

Obama propone la costituzione di una nuova e unica agenzia per la sicurezza alimentare. Alcuni casi paradossali dell’attuale situazione in USA. In Italia l’Agenzia non esiste

Il Presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha presentato il progetto di bilancio per il 2016, proponendo la costituzione di una nuova agenzia, con competenza esclusiva nel campo della sicurezza alimentare. La nuova agenzia dovrebbe fare capo al Dipartimento della Salute e dei Servizi alla persona e vi confluirebbero le competenze oggi frammentate tra la Food and Drug Administration (FDA) …

Continua »

Cereali per la colazione: Kellogg’s e General Mills sotto accusa negli Usa per un antiossidante controverso, eliminato dai cereali in Europa

La presenza in alcuni cereali per la colazione venduti in Nord America di un antiossidante sintetico controverso, il BHT (butilidrossitoluolo), indicato in Europa con la sigla E321, sta mettendo i produttori in crisi. Kellogg’s dichiara che sta testando con impegno alternative naturali e General Mills afferma di essere a buon punto nel processo di sostituzione dell’additivo, che da almeno è …

Continua »
mal di pancia

Le infezioni da Campylobacter si sono stabilizzate, in calo quelle da Salmonella, in aumento quelle da Listeria. La relazione sul 2013 in Europa dell’Efsa/Ecdc

Il Campylobacter è la causa di infezioni di origine alimentare più diffusa nell’Unione europea, ma il numero dei casi si è stabilizzato dopo una continua crescita negli ultimi anni. Sono invece aumentate le infezioni provocate da Listeria e da Escherichia Coli, mentre sono in calo quelle causate da Salmonella e da Yersinia Enterocolitica. Questi sono i principali dati che presenti …

Continua »

Frutti di bosco surgelati: 1.787 persone colpite dall’epidemia di epatite A per sottovalutazione del rischio e assenza di informazioni. Trasferiti i funzionari. Resta l’allerta del Ministero

In Italia l’epidemia causata dai frutti di bosco surgelati contaminati dal virus dell’epatite A ha colpito 1.787 persone. Secondo un documento ufficiale diffuso dal Ministero della salute in risposta ad un’interrogazione del Movimento 5 Stelle, “la situazione di crisi si deve considerare superata considerando la riduzione dei casi di malattia riconducibili al consumo di frutti di bosco “. Gli ultimi …

Continua »

Cosa fare con il pollo in cucina? Le raccomandazioni contro salmonella e campylobacter in un video dell’Istituto tedesco per la valutazione dei rischi

La mancanza di igiene nella manipolazione del cibo è una delle cause principali della diffusione dei focolai d’infezione di origine alimentare. Per questo motivo, l’Istituto federale per la valutazione dei rischi (BfR) ha pubblicato un video di due minuti, in inglese e tedesco, dal titolo Cosa fare con il pollo?, che fornisce suggerimenti da adottare in cucina, per evitare la …

Continua »

Energy drink: rapporto in USA con numeri da brivido su consumi e rischi. Aziende come:Red Bull, Coca-Cola Monster e Rockstar non collaborano. Pubblicità diretta a minori

Sugli energy drink, negli Stati Uniti, si muove il Parlamento e, in particolare, tre senatori, che da anni cercano di giungere a norme più restrittive soprattutto per quanto riguarda i minori. Le grandi aziende produttrici sembrano quasi del tutto indifferenti alla politica di moral suasion applicata finora, basata sugli inviti alla ragionevolezza, e per questo Edward Markey, John Rockfeller e …

Continua »

L’hamburger di McDonald’s dopo 5 anni non ammuffisce. Il cimelio esposto in Islanda. Non è un miracolo ma un normale processo fisico chimico

Le immagini dell’ultimo hamburger con patatine firmato McDonald’s acquistato in Islanda alla fine di ottobre 2009 da Hjörtur Smárason, prima che la catena abbandonasse il Paese, sta facendo il giro della rete. Dopo oltre 5 anni il panino è ancora in ottime condizioni, non si vedono segni di muffe e per questo viene conservato come un cimelio, in un ostello della …

Continua »

Il governo degli Stati Uniti propone nuovi standard per ridurre la presenza di Salmonella e Campylobacter nel pollame

Una media di 50.000 infezioni alimentari in meno ogni anno. È quanto prevede il Dipartimento dell’Agricoltura statunitense come effetto delle nuove misure proposte per la riduzione della Salmonella e del Campylobacter nei polli venduti sia interi che sezionati. Negli USA il pollame venduto in parti rappresenta l’80% del mercato ma nonostante ciò non è  sottoposto a limiti microbici specifici per  …

Continua »
piatti bicchieri utensili plastica melamina

Bisfenolo A: nessun rischio per la salute dei consumatori dopo la decisione dell’Efsa di ridurre di 10 volte la dose giornaliera tollerabile

Secondo l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) l’esposizione delle persone al bisfenolo A (BPA) attraverso il cibo e altre fonti non alimentari (polveri, cosmetici e carta termica) si può considerare al di sotto della dose giornaliera tollerabile (DGT), e pertanto non ci sono rischi per la salute dei consumatori. Sono queste le conclusioni del Panel Efsa dedicato ai materiali …

Continua »
latte donna cattivo

Latte crudo: l’Efsa raccomanda una migliore comunicazione sui rischi. Basta una breve bollitura per eliminare molti batteri

Per prevenire o rallentare la crescita dei batteri nel latte crudo, è essenziale ma non sufficiente mettere in atto corrette e moderne pratiche igieniche nelle aziende agricole e mantenere la catena del freddo. Non basta: il modo migliore per eliminare molti dei batteri, che possono far ammalare le persone, è bollire il latte crudo prima di consumarlo. Lo affermano gli …

Continua »

Latte crudo e infezioni alimentari: pochi casi in Italia. Su 5378 campioni 84 irregolarità? In calo il numero di punti di distribuzione

In Usa aumentano il consumo di latte crudo e i focolai d’infezione correlati, come abbiamo riportato in un precedente articolo su Il Fatto Alimentare. In riferimento a quella situazione, un lettore ci ha chiesto di tracciare un quadro su ciò che accade nel nostro Paese.   In Italia non ci sono dati che permettono di fare un’analoga correlazione a quella …

Continua »

Cosa sono gli energy drink? Secondo uno studio danese, bambini, adolescenti e genitori sono poco consapevoli dei rischi

Gli energy drink sono determinanti nel superamento della dose giornaliera raccomandata di caffeina in molti bambini e adolescenti. Lo indica uno studio condotto dal National Food Institute della Technical University of Denmark, da cui emerge che il 20% dei ragazzini compresi tra i 10 e i 14 anni, quando beve energy drink, anche in quantità moderata, eccede nell’assumere la dose …

Continua »
LATTE

Latte crudo: negli Stati Uniti l’aumento della vendita fa quadruplicare i focolai d’infezione alimentare

Il consumo di latte crudo negli Stati Uniti è in costante aumento, parallelamente al diffondersi di stili di vita legati al ritorno alla natura e al crescente numero di Stati che ne autorizzano la vendita. Contestualmente si registra un aumento dei casi d’infezione alimentare causati dai batteri presenti nel latte non pastorizzato. Sono questi i dati  presentati in uno studio …

Continua »

Niente sostanze aromatizzanti ai lattanti con meno di tre mesi di vita. Non sono necessarie per migliorare il gradimento

In Germania, l’Istituto federale per la valutazione dei rischi (BfR) ha esaminato l’utilizzo delle sostanze aromatizzanti negli alimenti istantanei per lattanti, nel latte di proseguimento e negli alimenti a fini medici per l’infanzia. Secondo il parere del BfR, le sostanze aromatizzanti non sono necessarie per migliorare l’accettazione di questi prodotti, né per favorire lo sviluppo del senso del gusto.   …

Continua »

In Europa il 3% degli alimenti contiene tracce di pesticidi oltre i limiti di legge. I prodotti di importazione extra UE hanno un tasso di non conformità cinque volte superiore

Nei 27 paesi dell’Unione europea, più Islanda e Norvegia, il 2,9% dei cibi contiene tracce di pesticidi oltre i limiti di legge, il 42,2% contiene tracce entro i limiti di legge, mentre il 54,9% non contiene alcuna traccia di residui. Il tasso di non conformità degli alimenti importati da paesi extraeuropei è cinque volte superiore a quello degli alimenti provenienti …

Continua »