Home / Nutrizione (pagina 4)

Nutrizione

insalata

Insalata bugiarda: sono davvero così leggere e salutari come appaiono? Un’inchiesta del programma ticinese Patti Chiari

L’insalata è davvero il piatto leggero e salutare che tutti pensano? Se lo sono chiesti i giornalisti della trasmissione svizzera Patti Chiari, che hanno dedicato un‘inchiesta alle insidie nascoste dietro le foglie verdi e croccanti quando sono abbinate a cibi e condimenti ipercalorici. La teoria di base è semplice: i produttori di insalate pronte, i ristoranti e i fast food sfruttano l’aura …

Continua »
Sale

In Gran Bretagna le politiche di riduzione del sale sono discriminatorie verso le classi svantaggiate. Studio delle Università di Liverpool, Manchester e Danzica

Secondo una ricerca condotta dall’Università di Liverpool, insieme agli atenei di Manchester e di Danzica, e pubblicata dal British Medical Journal, le strategie adottate dalla Gran Bretagna dal 2003 per la riduzione del sale nell’alimentazione – basate su campagne di sensibilizzazione, indicazione in etichetta e riformulazione volontaria degli alimenti trasformati – non sono riuscite a diminuire le disuguaglianze tra le …

Continua »

Gli alimenti sono davvero salutari come appaiono? Il test sulle etichette con il sistema “a semaforo” dell’associazione dei consumatori svizzera Acsi

Quando si fa la spesa, giudicare se un prodotto sia sano oppure no a partire dalle informazioni fornite nelle etichette non è sempre facile, per questo l’associazione dei consumatori svizzera Acsi ha voluto testare il sistema “a semaforo” elaborato dalla Food Standards Agency britannica per mettere alla prova alcuni alimenti da un punto di vista nutrizionale. Per il test sono …

Continua »

Francia, l’Anses giudica insufficienti le etichette nutrizionali per migliorare la salute pubblica. Nessun commento sull’utilità per i cittadini

L’Agenzia francese per la sicurezza alimentare (Anses) ha valutato l’impatto dei quattro sistemi di etichettatura nutrizionale sperimentati nel corso dell’autunno, concludendo che, “allo stato attuale delle conoscenze, non è dimostrata la loro rilevanza in una prospettiva di sanità pubblica”. In altre parole non riconosce ai modelli  di etichetta la capacità di ridurre l’incidenza di alcune malattie nella popolazione ­- sovrappeso …

Continua »

Bambin Gesù, la notizia dell’eccesso di fruttosio nel cibo è sbagliata e viene ritirata. Nessuno si accorge degli errori grossolani

Il 14 febbraio 2017 l’Ospedale Bambin Gesù di Roma pubblica il resoconto di uno studio durato 4 anni sulla pericolosità del fruttosio nell’alimentazione dei bambini, con dati  che appaiono grossolanamente errati. La ricerca fa probabilmente confusione tra zucchero e fruttosio. La nota del Bambin Gesù evidenzia come l’abuso sistematico del fruttosio aggiunto ai cibi e alle bevande, ha gli stessi …

Continua »

Arriva il latte A2: benefico per gli umani o per il marketing? Secondo i sostenitori è più digeribile. Mancano prove validate ma la ricerca va avanti

In Italia è venduto solo da qualche cascina, e anche in Europa è un prodotto di nicchia, per il momento. Ma in Australia è molto popolare, presente in ogni supermercato, e anche negli Stati Uniti sta conquistando ingenti quote di mercato molto in fretta, al punto da suscitare discussioni e polemiche, perché non si riesce  a capire bene quanto le …

Continua »

Quante calorie in quella tazza! Si aggiungono troppi zuccheri e grassi nel caffé e nel té. I risultati di uno studio americano

Gli americani assumono molte calorie dalle bevande che amano di più, tè e caffè, e probabilmente non se ne rendono conto. Ma ora uno studio condotto dai nutrizionisti dell’Università dell’Illinois e pubblicato su Public Health chiarisce l’entità di questo apporto poco necessario, nella speranza di convincere le persone a ridurre o, se possibile, eliminare questa fonte di zuccheri e grassi. …

Continua »

Metodo Lemme: l’ordine dei medici contro Mediaset che dà spazio a diete senza basi scientifiche

L’ordine dei medici di Roma si scaglia contro Mediaset, RTI e Barbara D’Urso. Il motivo? La “Filosofia Alimentare®”, ovvero il metodo inventato dal controverso farmacista Alberico Lemme, che promette dimagrimenti notevoli in poco tempo. Il regime non prevede attività fisica e nemmeno restrizioni nella quantità dei cibi, perché il suo inventore ritiene le calorie un concetto superato. La dieta ha …

Continua »

Legumi, cibi integrali e olio di noci: le nuove raccomandazioni dell’Anses per l’alimentazione degli adulti. Grandi cambiamenti rispetto alle precedenti versioni

L’Agenzia francese per la sicurezza alimentare (Anses) ha pubblicato le nuove raccomandazioni per la dieta dei francesi adulti, evidenziando grandi cambiamenti rispetto alle precedenti versioni. Le novità riguardano il consumo regolare di legumi (come lenticchie, fave o ceci), la necessità di dare la preferenza a prodotti a base di cereali meno raffinati (come pane, pasta e riso integrali o semi-integrali), …

Continua »

Zucchero nascosto: in Canada si trova in in due terzi degli alimenti confezionati. Un’etichetta a semaforo per indicarne la presenza?

Quasi due terzi di alimenti e bevande confezionati presenti nei supermercati e negozi canadesi contiene zuccheri aggiunti, spesso nascosti. Questo il responso di un’indagine pubblicata sul Canadian Medical Association Journal nella quale i nutrizionisti di Public Health of Ontario e dell’Università di Waterloo hanno preso in esame quasi 40.000 prodotti e li hanno catalogati in base alla presenza o meno …

Continua »

Bibite “light”: i dolcificanti stimolano l’appetito. Le calorie risparmiate vengono introdotte con altri alimenti

Il paradosso delle bibite dietetiche contenenti dolcificanti ipocalorici è che fanno aumentare l’appetito e alla fine della giornata le calorie non assunte attraverso lo zucchero delle bibite vengono compensate da quelle provenienti dai cibi consumati con più frequenza o in maggior quantità nel resto della giornata. È quanto sostiene uno studio condotto da ricercatori della Agency for Science, Technology and Research …

Continua »

La Francia vieta la distribuzione gratuita di bevande dolci analcoliche nei locali pubblici e anche la vendita a forfait

In Francia è entrato in vigore il 19 gennaio 2017, un decreto che vieta ai locali pubblici di adottare formule di vendita troppo generose nei confronti delle bevande dolci. In altre parole i locali che danno la possibilità di bere bibite a volontà gratuitamente (per esempio quando si consuma un pasto) o che lasciano agli avventori la libertà di riempire il …

Continua »
Sale

Sale: una riduzione del 10% conviene alla salute e all’economia. Secondo uno studio USA, sarebbe l’intervento più sostenibile per diminuire l’incidenza di molte patologie

C’è un’azione che, se messa in atto per i prossimi dieci anni, porterebbe a una diminuzione di migliaia di decessi e disabilità e  a un risparmio considerevole rispetto a qualunque altra misura: si tratta della riduzione del consumo di sale del 10%. A questa conclusione sono giunti gli esperti della Tufts University di Boston coordinati da Dariush Moffazarian, che da …

Continua »

Troppi grassi saturi fanno male. La conferma di uno studio durato 30 anni. Cosa è cambiato sostituendo l’olio di palma nei prodotti

Un eccessivo consumo di acidi grassi saturi è un fattore di rischio per lo sviluppo di malattie cronico-degenerative. L’ennesima conferma a questa tesi ormai nota al grande pubblico, arriva da uno studio  durato trent’anni, pubblicato il 23 novembre sul British Medical Journal. I ricercatori della Harvard University di Boston hanno analizzato le abitudini alimentari dei partecipanti (73 mila donne e …

Continua »

Herbalife in USA versa 200 milioni di dollari per una transazione a seguito di un patteggiamento, per rimborsare quasi 350.000 vittime dello schema di marketing multi-livello. In Italia …

Negli USA Herbalife, società specializzata nella produzione di integratori e pasti sostitutivi [1], nell’estate del 2016 ha versato  200 milioni di dollari per una transazione a seguito di patteggiamento concordato con la Federal Trade Commission americana (agenzia preposta alla tutela dei consumatori) a titolo di rimborso per circa 350 mila vittime dello schema  di marketing multilivello (2). Nell’accordo si dice …

Continua »