Home / Nutrizione (pagina 4)

Nutrizione

L’Oms plaude alla Francia per l’etichetta nutrizionale volontaria. Aiuta i consumatori a fare scelte più sane e incentiva l’industria a riformulare i prodotti

L’ufficio europeo dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), che comprende 53 paesi, si è congratulato con la Francia per la sua decisione di introdurre un sistema etichetta volontario, che consente ai consumatori di comprendere con un colpo d’occhio il valore nutrizionale degli alimenti. Questo tipo di etichettatura, afferma l’Oms, “può contribuire a fare scelte sane, venendo incontro alla crescente richiesta dei …

Continua »

Una settimana mondiale per ridurre il consumo di sale. Gli italiani ne assumono in media il doppio delle raccomandazioni OMS

Gli italiani consumano troppo sale e di conseguenza si ammalano. Per questo il Ministero della salute ha aderito alla “Settimana mondiale di sensibilizzazione per la riduzione del consumo di sale” che quest’anno si è tenuta dal 20 al 26 marzo. L’evento promosso da WASH (World action on salt and health), giunto alla sua dodicesima edizione, mira a incoraggiare le aziende …

Continua »

Consumare alcolici per dimagrire? È una bufala che circola in rete. C’è un nesso fra le cellule nervose che regolano la fame e le bevande alcoliche

Altro che bere per dimagrire. Chi ha come obiettivo la perdita di peso o il mantenimento di quello attuale, tutto dovrebbe fare, fuorché alzare il gomito. Mi arrivano ogni giorno segnalazioni a dir poco imbarazzanti che riferiscono tesi di merito relative a birra, vino e presunte proprietà miracolose di dimagrimento e, addirittura, di equivalenza tra l’uso di alcol e ore …

Continua »

Sport drink e bambini: tanto zucchero, dolcificanti e coloranti, ma ai ragazzi reintegrare i sali minerali non sempre serve

Troppo zucchero fa male, tanto che l’Oms è arrivata a suggerire l’istituzione di una tassa sulle bevande zuccherate per abbassarne il consumo e ridurre l’incidenza di obesità e diabete di tipo 2. In questo senso, fa scalpore la notizia che negli Stati Uniti le vendite di acqua hanno superato quelle delle bibite zuccherate. Tuttavia gli “sport drink”, come Gatorade e …

Continua »

Francia, scelta l’etichetta nutrizionale semplificata. Il ministro della Sanità indica il logo a cinque colori e cinque lettere

In un’intervista al quotidiano Le Parisien, il ministro della Sanità francese, Marisol Touraine, ha annunciato di aver scelto l’etichetta nutrizionale semplificata che potrà essere adottata volontariamente dall’industria alimentare. Si tratta del logo a cinque colori con cinque lettere al loro interno, sostenuto dalle associazioni dei consumatori e avversato dall’industria. La lettera A con il verde scuro indica la valutazione migliore, …

Continua »

“Dammi il cinque”: la nuova campagna nelle scuole per far capire l’importanza di un’alimentazione corretta. Troppi piccoli obesi e in sovrappeso

“Dammi il cinque!”: al termine di una partita andata bene, ma anche per un bel voto, i ragazzini danno il cinque per indicare soddisfazione. Sono cinque anche le porzioni di frutta e verdura che dovremmo consumare ogni giorno, grandi e piccoli. Porzioni che dovrebbero coprire cinque colori diversi, per garantire un apporto ottimale di vitamine, minerali e antiossidanti: bianco come …

Continua »

Il pesce biologico in competizione con quello degli allevamenti intensivi. Un progetto di Crea e Cnr per favorire lo sviluppo dell’acquacoltura sostenibile

Nel 2016 il biologico ha registrato un incremento di vendite del 21% nei settori dell’ortofrutta, della carne e dei formaggi. Al contrario, il pesce degli allevamenti biologici stenta a decollare. Per favorire l’adozione di modelli produttivi sostenibili in acquacoltura, a cominciare proprio da quello biologico, e per incentivare i consumi nella ristorazione collettiva pubblica, il Consiglio per la ricerca in …

Continua »

L’informazione in tv su cibo e alimentazione non è un gioco. Troppi esperti improvvisati e controversi propongono teorie originali e diete miracolose. Situazione fuori controllo

Alcuni anni fa in tv impazzavano cuochi che dissertavano di prodotti alimentari e cibo, spaziando su diete e calorie. Poi la stagione degli chef è passata di moda, e i più famosi hanno imparato a condurre gare gastronomiche e a fare spot di patatine. Adesso sul piccolo schermo c’è un nuovo gruppo di veri esperti (non proprio in scienza dell’alimentazione) …

Continua »

Con la “Frutta a metà mattina” i bambini abbandonano le merendine e mangiano più volentieri a pranzo. Il successo del progetto di Milano Ristorazione

I bambini delle scuole milanesi mangiano più frutta, evitano di consumare merendine a metà mattina e la quantità di cibo avanzato dopo il pranzo si riduce. Questi sono i risultati del progetto “Frutta a metà mattina” di Milano Ristorazione, una sperimentazione che ha coinvolto 76 scuole elementari e oltre 21 mila bambini e di cui Il Fatto Alimentare si è …

Continua »

L’ennesima bufala sulla riabilitazione da parte della scienza dell’olio di palma invade la rete. Gli organizzatori del convegno dell’Università di Napoli però smentiscono qualsiasi assoluzione

Nelle ultime settimane si sono moltiplicati sui giornali e nelle trasmissioni televisive gli interventi per riabilitare l’olio di palma, considerato un alimento ingiustamente demonizzato. In tutto ciò c’è lo zampino della lobby di alcuni produttori, che continuano a insistere sulla bontà dell’olio tropicale. In questi  discorsi  si sorvola su due elementi  fondamentali: la questione ambientale correlata alla distruzione delle foreste …

Continua »
insalata

Insalata bugiarda: sono davvero così leggere e salutari come appaiono? Un’inchiesta del programma ticinese Patti Chiari

L’insalata è davvero il piatto leggero e salutare che tutti pensano? Se lo sono chiesti i giornalisti della trasmissione svizzera Patti Chiari, che hanno dedicato un‘inchiesta alle insidie nascoste dietro le foglie verdi e croccanti quando sono abbinate a cibi e condimenti ipercalorici. La teoria di base è semplice: i produttori di insalate pronte, i ristoranti e i fast food sfruttano l’aura …

Continua »
Sale

In Gran Bretagna le politiche di riduzione del sale sono discriminatorie verso le classi svantaggiate. Studio delle Università di Liverpool, Manchester e Danzica

Secondo una ricerca condotta dall’Università di Liverpool, insieme agli atenei di Manchester e di Danzica, e pubblicata dal British Medical Journal, le strategie adottate dalla Gran Bretagna dal 2003 per la riduzione del sale nell’alimentazione – basate su campagne di sensibilizzazione, indicazione in etichetta e riformulazione volontaria degli alimenti trasformati – non sono riuscite a diminuire le disuguaglianze tra le …

Continua »

Gli alimenti sono davvero salutari come appaiono? Il test sulle etichette con il sistema “a semaforo” dell’associazione dei consumatori svizzera Acsi

Quando si fa la spesa, giudicare se un prodotto sia sano oppure no a partire dalle informazioni fornite nelle etichette non è sempre facile, per questo l’associazione dei consumatori svizzera Acsi ha voluto testare il sistema “a semaforo” elaborato dalla Food Standards Agency britannica per mettere alla prova alcuni alimenti da un punto di vista nutrizionale. Per il test sono …

Continua »

Francia, l’Anses giudica insufficienti le etichette nutrizionali per migliorare la salute pubblica. Nessun commento sull’utilità per i cittadini

L’Agenzia francese per la sicurezza alimentare (Anses) ha valutato l’impatto dei quattro sistemi di etichettatura nutrizionale sperimentati nel corso dell’autunno, concludendo che, “allo stato attuale delle conoscenze, non è dimostrata la loro rilevanza in una prospettiva di sanità pubblica”. In altre parole non riconosce ai modelli  di etichetta la capacità di ridurre l’incidenza di alcune malattie nella popolazione ­- sovrappeso …

Continua »

Bambin Gesù, la notizia dell’eccesso di fruttosio nel cibo è sbagliata e viene ritirata. Nessuno si accorge degli errori grossolani

Il 14 febbraio 2017 l’Ospedale Bambin Gesù di Roma pubblica il resoconto di uno studio durato 4 anni sulla pericolosità del fruttosio nell’alimentazione dei bambini, con dati  che appaiono grossolanamente errati. La ricerca fa probabilmente confusione tra zucchero e fruttosio. La nota del Bambin Gesù evidenzia come l’abuso sistematico del fruttosio aggiunto ai cibi e alle bevande, ha gli stessi …

Continua »